Russia e WTO: “Nel mondo moderno è impossibile il dominio di un Paese a livello politico ed economico. I tentativi di dominio sono la restaurazione del colonialismo. I tentativi di imporre le sanzioni rappresentano il ritorno della civiltà e dell’economia a 50 o 60 anni fa”

  • -

Russia e WTO: “Nel mondo moderno è impossibile il dominio di un Paese a livello politico ed economico. I tentativi di dominio sono la restaurazione del colonialismo. I tentativi di imporre le sanzioni rappresentano il ritorno della civiltà e dell’economia a 50 o 60 anni fa”

….non esistono ragioni per queste sanzioni, dal momento che la Russia non è una delle parti del conflitto armato nella parte orientale dell’Ucraina e all’interno del diritto internazionale ha provveduto alla riunificazione della Crimea, ora aperta agli investimenti stranieri,”

 “Nel mondo moderno è impossibile il dominio di un Paese a livello politico ed economico. I tentativi di dominio sono la restaurazione del colonialismo. I tentativi di imporre le sanzioni rappresentano il ritorno della civiltà e dell’economia a 50 o 60 anni fa”

 “E’ chiaro che nel contesto di globalismo, i mercati nazionali locali vengono schiacciati dalla forza delle multinazionali”, cosa che potrebbe portare alla distruzione delle economie di alcuni Paesi dopo l’adesione al WTO o alla UE, come nel caso della Moldavia, dei Paesi Baltici o della Grecia.

La Russia è uno dei nuovi arrivati al WTO, dal momento che nel 2017 sono passati solo 5 anni dal suo ingresso nell’organizzazione. Il deputato Gavrilov ha commentato i risultati di questo passo per l’economia russa, affermando che il Paese si trova ancora in un periodo transitorio di adattamento delle norme doganali e di rafforzamento di quei settori dell’economia che opereranno sempre più nell’agguerrita concorrenza dei mercati globali, in particolare a livello manifatturiero.

Gavrilov ha rilevato con rammarico che il WTO “non è in grado di garantire i diritti dei suoi membri in relazione al rafforzamento delle sanzioni di Stati Uniti, Canada, Australia ed Unione Europea contro la Russia.”

Secondo il deputato, le sanzioni limitano le capacità del Paese di sviluppare settori tecnologicamente avanzati, di esportare le risorse energetiche, di avere accesso ai mercati dei capitali e finanziamenti esteri, creando così ostacoli rilevanti per l’integrazione dell’economia russa nei processi globali.

Allo stesso tempo il deputato ha sottolineato che “l’economia della Russia resiste a queste sanzioni” e spera che “l’UE troverà la forza per muoversi verso la loro riduzione e cancellazione.”

“E’ chiaro che non esistono ragioni per queste sanzioni, dal momento che la Russia non è una delle parti del conflitto armato nella parte orientale dell’Ucraina e all’interno del diritto internazionale ha provveduto alla riunificazione della Crimea, ora aperta agli investimenti stranieri,” — ha evidenziato Gavrilov.

“Nel mondo moderno è impossibile il dominio di un Paese a livello politico ed economico. I tentativi di dominio sono la restaurazione del colonialismo. I tentativi di imporre le sanzioni rappresentano il ritorno della civiltà e dell’economia a 50 o 60 anni fa”, — ha aggiunto.

A titolo di esempio, il deputato ha citato la situazione in Siria ed in Libia. Secondo Gavrilov, questi Paesi sono diventati “vittime di aggressioni esterne” e il sostegno diretto o indiretto degli Stati Uniti all’opposizione armata ed ai terroristi ha causato la distruzione delle economie di questi Paesi, la povertà ed il flusso di milioni di immigrati in Europa. Pertanto ha sottolineato che “il conseguimento della parità nel commercio internazionale e il sostegno ai Paesi in via di sviluppo sono impensabili senza il rafforzamento del diritto internazionale”.

Riguardo il WTO, il deputato ha osservato che l’adesione all’organizzazione è proficua per gli Stati sviluppati dell’Europa e dell’America e svantaggiosa per i Paesi in via di sviluppo, perché “l’eliminazione di tutte le barriere soffoca lo sviluppo dell’industria in crescita”.   “E’ chiaro che nel contesto di globalismo, i mercati nazionali locali vengono schiacciati dalla forza delle multinazionali”, cosa che potrebbe portare alla distruzione delle economie di alcuni Paesi dopo l’adesione al WTO o alla UE, come nel caso della Moldavia, dei Paesi Baltici o della Grecia.

Il deputato ha richiamato l’attenzione sulla necessità di adottare misure per tutelare gli interessi nazionali: introdurre un periodo di transizione, concordare il mantenimento dei dazi doganali per i settori economici più dipendenti dalla concorrenza. “La Russia ha preso la giusta posizione, perché se avesse revocato tutte le restrizioni in seno al WTO, la sua economia sarebbe stata schiacciata dalle sanzioni”.

Ha ricordato l’esempio dell’Ucraina, dove il tentativo delle autorità di condurre un’analisi razionale delle conseguenze dell’associazione con la UE ha portato alla promozione del colpo di stato da parte degli stessi Paesi europei. Successivamente il nuovo governo ha rimosso tutte le barriere ed ora l’economia dell’Ucraina sta vivendo la crisi più acuta. Tutto questo ha portato “la disoccupazione di massa, l’emigrazione di manodopera, la paralisi del settore manifatturiero e dell’industria ad alta tecnologia”. “Di fatto l’Unione Europea non ha aiutato per niente”, ha aggiunto.

“Pertanto la leadership di qualsiasi Paese dovrebbe avere coraggio e difendere gli interessi della propria gente e dell’economia. (…) Non sono un fervente sostenitore del protezionismo. Occorre espandere il commercio e ridurre le barriere doganali, ma questo non dovrebbe portare alla distruzione delle economie nazionali, all’aumento della disoccupazione, alla povertà e all’aggravamento dei conflitti sociali, al terrorismo e all’estremismo. Il futuro della civiltà e del commercio mondiale è nella cooperazione equa, tenendo conto delle specificità dello sviluppo delle economie di ciascun Paese, non della distruzione delle economie nell’interesse delle multinazionali”, ha concluso Gavrilov.

Estratto da Sputnik Mundo in conversazione con il deputato della Duma Sergey Gavrilov, membro della conferenza parlamentare dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO)

www.facebook.com/stefano.bruschi.33671

www.linkedin.com/in/stefano-bruschi-12952140/

www.russiaaffari.blogspot.it www.russiaaffari.myblog.it/

www.russiaaffari.blog

 


  • -

il nodo di fondo è la NATO e il tentativo di sottrarre Kiev all’influenza storica della Russia.

 (Estratto da Sputnik Italia)

 Sanzioni su sanzioni, dallo scoppio della crisi ucraina il rapporto fra l’Occidente e la Russia ha rappresentato un crescendo di tensioni fino allo stallo attuale delle relazioni. È in gioco una partita complessa dagli esiti ancora tutti da vedere. Gli sbagli dell’Occidente e il ruolo dell’Italia.

 I rapporti fra gli Stati Uniti e l’Europa da una parte e la Russia dall’altra hanno preso una brutta piega e la politica internazionale di oggi è gestita, verrebbe da dire, a suon di sanzioni. Qual è il punto cruciale della crisi nei rapporti con la Russia e quale ruolo potrebbe avere l’Italia nel dialogo con Mosca?

 “Non è possibile pensare che l’Ucraina entri nella NATO. Se risolviamo questo problema, risolveremo tutto il resto. Piaccia o meno, è così”. Secondo il parere dell’Ambasciatore d’Italia a Mosca Cesare Maria Ragaglini, espresso in un’intervista al Corriere della Sera, il nodo di fondo è la NATO e il tentativo di sottrarre Kiev all’influenza storica della Russia. Sputnik Italia ha raggiunto per un approfondimento in merito Daniele Lazzeri, chairman del think tank Il Nodo di Gordio.

 Adesso la situazione è in stallo, se andiamo a vedere gli accordi di Minsk, disattesi da entrambe le parti, capiamo che questi rappresentano l’ennesimo fallimento della diplomazia europea, sempre più debole e legata alle iniziative dei singoli Stati membri, in particolare la Germania di Angela Merkel e la Francia di Macron.

 — L’Ambasciatore nell’intervista parla del fattore NATO, che definisce cruciale nella crisi nata in Ucraina e sviluppatasi fra l’Occidente e la Russia. Secondo Ragaglini togliere l’Ucraina dalla sfera di influenza russa sia stato un errore. Che ne pensa di quest’aspetto, di cui fra l’altro non si tiene mai conto nel dibattito in Occidente?

 — Il fatto di aver accelerato il tentativo prima da parte dell’Alleanza Atlantica, successivamente dell’Unione europea di sottrarre l’Ucraina dal suo naturale bacino di rapporti commerciali e politici con la Russia ha determinato una risposta forte da parte di Mosca.

 — “Il nostro canale con Mosca è sempre rimasto aperto anche ai massimi livelli” ha sottolineato l’Ambasciatore nell’intervista. Effettivamente possiamo dire che l’Italia si è maggiormente distinta dagli altri Paesi europei per la sua apertura verso Mosca? Possiamo definire i rapporti italo-russi speciali e privilegiati?

 — La Russia è indiscutibilmente un grande Paese e uno storico partner strategico per l’Italia. Le svolte degli ultimi anni hanno imposto una battuta d’arresto sia alle relazioni commerciali sia a quelle diplomatiche fra i nostri Paesi. L’Italia chiaramente tiene aperti tutti i canali diplomatici per superare questo difficile momento di impasse che vede tutta la comunità internazionale preoccupata per gli sviluppi futuri delle relazioni politiche con Mosca.

 L’Italia in questo senso potrebbe svolgere un ruolo cruciale nel tentare di ricucire gli strappi seguiti alla complessa situazione in Ucraina ed in Crimea. Magari l’Italia potrebbe cercare di ridurre il peso eccessivo che in questi anni si è dato alle preoccupazioni degli Stati come la Polonia per esempio, che francamente non credo debba temere più l’aggressività della Russia. L’Europa in definitiva non può essere a trazione baltica, c’è bisogno di più condivisione delle scelte europee per cercare di ricostruire il filo del dialogo con Mosca, soprattutto in questo frangente in cui è evidente l’allontanamento di Washington dal Vecchio Continente.

 — Secondo il parere dell’Ambasciatore le sanzioni storicamente non sempre hanno raggiunto gli obiettivi prefissati. Il caso delle sanzioni antirusse è emblematico, perché, come sappiamo, hanno danneggiato i Paesi che le hanno imposte, in primis l’Italia. Gli Stati Uniti hanno appena firmato un nuovo pacchetto di sanzioni alla Russia. Possiamo dire che le sanzioni danneggiano tutti minando i rapporti fra l’Europa, la Russia e gli Stati Uniti?

 — Gli esiti delle sanzioni nei confronti di Mosca sono sotto gli occhi di tutti. In particolare l’Italia sta soffrendo un brutto colpo in alcuni settori strategici dell’esportazione come l’agroalimentare, ma anche della sfera tecnologica. Nel contempo la Germania si muove per il raddoppio del Nord Stream, che dalla Russia giungerà nell’Europa settentrionale, tutto ciò in barba alle sanzioni. Non è un caso che il presidente americano Donald Trump abbia stigmatizzato questo fatto. Lo stesso Trump però è sotto scacco da parte dell’establishment americano, nonostante la sua riluttanza al rinnovo delle sanzioni contro Mosca, si è dovuto piegare al volere del congresso e ha approvato il rafforzamento delle misure restrittive antirusse.

 Non possiamo che auspicare una distensione dei rapporti con Mosca, che potrebbe essere la svolta definitiva per creare quel grande territorio eurasiatico dal Portogallo fino a Vladivostok.

www.facebook.com/stefano.bruschi.33671

 


Cerca con una parola

Archivi

Categorie