Gli affari correnti del governo scaduto Gentiloni non sono poi così correnti e il presidente Mattarella se ne infischia!

Gli affari correnti del governo scaduto Gentiloni non sono poi così correnti e il presidente Mattarella se ne infischia!

Gli affari correnti del governo scaduto Gentiloni non sono poi così correnti e il presidente Mattarella se ne infischia!

 Solidarietà alla May per la dubbia e discutibile questione della spia russa doppiogiochista.

Espulsione di due diplomatici Russi senza alcuna prova di responsabilità della Russia.

Invio di supporto militare contro la Siria senza alcuna prova che Assad abbia usato gas.

 Solidarietà, e appartenenza ad occhi chiusi per ogni tesi, inciucio e trama messe in atto dagli USA, UE e GB per creare confusione, contrasti, guerre e morte in ogni dove!

 

Scrive Maurizio Blondet 11 aprile 2018

Alle 17.33 del 10 aprile l’agenzia Al Sura ha segnalato che una cisterna volante italiana KC-767 è entrata in Giordania dallo spazio aereo dell’Arabia Saudita.   L’aereo, un Boeing, farà il rifornimento in volo dei caccia occidentali che lanceranno i missili contro la Siria.

Dunque il governo Gentiloni, scaduto e senza legittimità, ha portato l’Italia in guerra contro uno Stato che non ci ha mai fatto nulla di male, e contro cui non abbiamo nemmeno dichiarato guerra prima di aggredirlo.

Contro un capo di Stato, Hafez el Assad, che il1 8 marzo 2010, il capo dello Stato – allora Giorgio Napolitano – ha decorato della Gran Croce al merito della Repubblica, lodandolo come “esempio di laicità e difensore della libertà”.   Abituato alla menzogna senza vergogna.

Il governo scaduto ci mette anche in linea di ostilità armata contro la Russia, contro la nostra nazione non ha alcun motivo di inimicizia, e contro cui abbiamo esercitato qualsiasi possibile offesa senza alcun motivo e contro i nostri interessi, ed anzi storica amicizia. Ci mette in guerra anche contro l’Iran, di cui – come ”Europa” –     abbiamo garantito l’accordo sul nucleare, solo per rimangiarcelo appena Trump ha proclamato, su istigazione neocon, che avrebbe stracciato quel patto.

Altri hanno notato che un governo in carica per gli affari correnti, considera un affare corrente portarci in una guerra fra potenze nucleari, senza alcun motivo fondato – se non sulla menzogna: “Dobbiamo dire chiaramente che l’uso di armi chimiche da parte del regime di Assad non può essere in alcun modo tollerato”.

Ovviamente va prima provato, come hanno ribattuto Salvini, Paolo Romani, Giorgia Meloni.

www.facebook.com/stefano.bruschi.33671

www.linkedin.com/in/stefano-bruschi-12952140/

www.russiaaffari.blogspot.it

www.russiaaffari.myblog.it/

www.russiaaffari.blog

 


ITALIA QUINTO FORNITORE DELLA RUSSIA HA SUPERATO LA FRANCIA

ITALIA QUINTO FORNITORE DELLA RUSSIA HA SUPERATO LA FRANCIA.

TOP10 PAESI FORNITORI DELLA RUSSIA – ANNO 2017 (dati Agenzia delle Dogane russa)

  1. CINA
  2. GERMANIA
  3. STATI UNITI
  4. BIELORUSSIA
  5. ITALIA
  6. FRANCIA
  7. GIAPPONE
  8. COREA DEL SUD
  9. KAZAKHSTAN
  10. POLONIA

“Dopo l’introduzione delle sanzioni nel 2014, il business italiano è riuscito ad adattarsi alle mutate condizioni. Il programma “Made in Italy” è stato sostituito dal “Made With Italy”, dove con l’impiego di tecnologie italiane e materie prime russe vengono prodotte delle merci richieste sul mercato russo, in primo luogo nel settore alimentare.” Ha affermato il presidente della camera di commercio Italo Russa.

Sullo sfondo delle peggiorate relazioni politiche con l’Europa, in ambito economico prevale il pragmatismo e la cooperazione italo-russa avviene su due livelli:

PICCOLE E MEDIE IMPRESE

Il modello economico italiano è complementare a quello russo. La Russia è ricca di materie prime, le PMI italiane possiedono la cultura del rischio imprenditoriale ed il know-how necessario per trasformarle in prodotti finiti di qualità.

COOPERAZIONE REGIONALE

Mentre le sanzioni paralizzano il dialogo politico ad alto livello si intensifica invece la cooperazione politica ed economica a livello regionale. In Russia ci sono 120 tra parchi industriali e zone speciali che offrono condizioni vantaggiose agli investitori stranieri e non solo a Mosca e San Pietroburgo.

Il ministro Calenda ha dichiarato che “ci contraddistinguono due cose. In primo luogo siamo arrivati su questo mercato molti anni fa, già ai tempi dell’Unione Sovietica e questa è una nostra particolarità: siamo riusciti a costruire un rapporto solido e duraturo. In secondo luogo abbiamo una presenza commerciale capillare: tutte le più grandi imprese italiane collaborano con la Russia. Italia e Russia lavorano insieme a 340 progetti congiunti”

E come ha scritto Fernando Mezzetti sul mensile Economy)

La Russia, pur sotto sanzioni euroatlantiche per l’Ucraina, si rivela efficace stimolo per la creatività italiana: in questo caso applicata non alla produzione ma soprattutto al marketing in un ambiente appesantito da difficoltà estranee all’economia.

Dopo due anni disastrosi per le nostre esportazioni verso la Russia, il 2017 si chiude con un bilancio incoraggiante per noi: ci si avvicina infatti al recupero totale delle posizioni precedenti le misure punitive adottate dall’Unione Europea nella primavera 2014 contro Mosca. All’embargo decretato dall’Europa ha corrisposto un contro embargo stabilito da Mosca per alcuni settori, in primis l’agroalimentare: gli scambi commerciali tra Russia e Europa ne sono stati sconvolti, con effetti diversi nei vari paesi dell’Unione .

Ma almeno per quanto ci riguarda, dopo il primo choc, i nostri operatori dalle piccole e medie imprese alle grandi hanno saputo affrontare le nuove situazioni, riuscendo a limitare gli effetti negativi delle tensioni politiche.

Sì, a Mosca c’è ancora posto per fare impresa, per opera re, per produrre e per imporsi sul mercato.

Gli italiani, presso i consumatori, sono favoriti soprattutto da un fattore: l’enorme simpatia, per alcuni aspetti perfino amore, dei russi verso l’Italia, mai venuto meno anche nei momenti più aspri della guerra fredda.

La prova più evidente è nel traffico aereo: Aeroflot ha 3 voli al giorno Mosca-Mi¬ lano e 3 Mosca-Roma. Altre compagnie low cost volano su altri scali italiani , per un to¬ tale di una decina di voli al giorno tra Ita¬ li a e Russia.

Ma la prova più evidente è data da un nutrito aumento di aziende italiane che partecipano alle varie fiere in Russia nei più disparati settori oltre ad un notevole aumento di piccole e medio-piccole aziende italiane che si stanno interessando vivamente al mercato russo, tramite contatti diretti con l’organizzazione di Consulenti & Partners che dal 2000, con la sua sede di Mosca, aiuta gli imprenditori italiani ad inserirsi nel mercato dell’Area Russa.

www.facebook.com/stefano.bruschi.33671

www.linkedin.com/in/stefano-bruschi-12952140/

www.russiaaffari.blogspot.it www.russiaaffari.myblog.it/

www.russiaaffari.blog


Cerca con una parola

Archivi

Categorie