Russia: investire e lavorare a Mosca in una società propria o già esistente; Attivare una produzione italiana in loco …

Russia: investire e lavorare a Mosca in una società propria o già esistente; Attivare una produzione italiana in loco …

Russia: investire e lavorare a Mosca in una società propria o già esistente; Attivare una produzione italiana in loco in particolare di prodotti italiani che non arrivano più in Russia.
Le opportunità che il mercato offre per chi intende investire in una propria attività e trasferirsi in Russia per lavorare e vivere.
Ciò è possibile partecipando a società da tempo esistenti e già operative dove necessita anche l’inserimento nella direzione operativa e quindi gestire il proprio business/investimento.
La possibilità è per chi ha la possibilità di partecipare al capitale di società giuridiche russe già esistenti che operano nel mercato da anni con il Made in Italy, le quali hanno anche necessità di essere gestite e dirette.
Settore moda: total look, abiti, uno, donna, abbigliamento, accessori, pantaloni, camicie, maglieria, distribuzione moda.
Settore alimentare: vino, conserve, pasta, olio extravergine, aceto, biscotti, pasticceria, cioccolata, tartufi, sughi, formaggio, mozzarella, spumante, bollicine, e-commerce, vendita diretta, consumatore.
Nuove Start-up nei vari settori della distribuzione commerciale di prodotti Made in Italy.
Anche in aziende di produzione del settore alimentare che si trovano sotto embargo, prodotti gourmet italiani fatti in Russia ma con metodo e qualità italiano, piccole o medie produzioni artigianali o semi artigianali.
E non solo: e-commerce che funzionano in Italia e per i quali è necessario la distribuzione diretta dall’area Russa.
Molteplici sono le opportunità, specialmente nella produzione il loco di prodotti che non industriali e che non richiedano grandi impegni per macchinari o impianti.
La nostra organizzazione è in grado di gestire tutte le operatività del caso anche in partecipazione.
Perché conviene?
Perché il mercato è tra i più vasti e in continuo sviluppo
Perché il prodotto di qualità italiana è molto apprezzato.
Perché le tassazioni in Russia sono eque e convenienti.
Perché la redditività può essere molto alta.
Perché attivare una propria società o inserirsi in una esistente è veloce e non richiede pratiche estenuanti.
Perché le produzioni di qualità italiana sono le benvenute.

www.russiaaffari.blog
info@consultpartners.org


L’agenzia di rating Standard & Poor’s ha elevato il rating della Russia – Mosca per fare business è una delle prime sei città del futuro – Investire in Russia, cresce la fiducia da parte degli imprenditori stranieri.

L’agenzia di rating Standard & Poor’s ha elevato il rating della Russia fino a quello d’investimento (BBB-), accompagnandolo con una previsione stabile.

L’altra agenzia internazionale Fitch ha confermato il livello del rating russo pari a BBB-.

La terza grande agenzia Moody’s ha migliorato solamente la sua previsione relativa al rating sovrano della FR e ha confermato il livello Ba1, ovvero quello “non d’investimento”.

I giornali hanno messo in rilievo che “l’avanzamento del rating russo aumenterà di $500 mln gli investimenti di portafoglio realizzati dagli imprenditori stranieri in Russia”.
Hanno rivelato inoltre che le 3 principali agenzie di rating hanno preso in considerazione i buoni indici macroeconomici della Russia, la correzione della sua politica fiscale e il corso flessibile del cambio valutario del rublo.

Anche il Ministro dello Sviluppo Economico Maxim Oreshkin ha messo in rilievo questi fattori e ha sottolineato che “il mercato già nel 2017 ha valutato la qualità degli attivi finanziari russi più altamente delle agenzie di rating”. I giornali di oggi hanno evidenziato che il miglioramento del rating sovrano della FR ha aumentato la domanda degli attivi in rubli e ha favorito un rafforzamento della divisa russa –

Stando ai risultati del mese di gennaio, la Russia è entrata nella TOP-5 dei Paesi con le maggiori riserve auree. Le sue riserve sono state stimate in 1.857 ton, ovvero 14 ton in più rispetto alla Cina. I primi quattro posti della classifica sono detenuti dagli USA (8.133 ton), dalla Germania (3.374 ton), dall’Italia (2.452 ton) e dalla Francia (2.436 ton) – (RG, pag.6, ed Expert № 9, pag.4, del 2

Mosca? Per fare business è una delle prime sei città del futuro
Nella speciale classifica biennale di fDi Intelligence la capitale russa è molto ben posizionata
Nella classifica delle “città del futuro” stilata da fDi Intelligence per il 2018/19, Mosca occupa la sesta posizione in Europa. Al primo posto c’è Londra, seguita da Dublino, Parigi, Amsterdam e Monaco. Nessuna città italiana rientra nelle prime 25 posizioni, così come nessuna regione d’Italia nella relativa classifica generale (per la Russia c’è invece il 13º posto del Circondario federale centrale, che riunisce 18 regioni attorno a Mosca).

Il rating biennale di fDi tiene conto delle infrastrutture, degli incentivi e delle capacità delle città e delle regioni di attrarre investimenti futuri. Il rating aiuta gli investitori pubblici e privati, gli uomini d’affari e gli operatori di borsa.

Nella speciale classifica delle città dell’Europa dell’Est Mosca domina, seguita da Varsavia, Bucarest, Praga, Bratislava e Budapest. Mosca è anche quinta nella top ten europea delle città più business-friendly (la capitale russa ha davanti a sé Londra, Dublino, Varsavia e Bucarest), basata su open source e database propri di fDi. Questa classifica rende in considerazione vari criteri come il prodotto interno lordo delle città, la durata media della vita dei cittadini, la percentuale di cittadini con istruzione superiore, le infrastrutture di trasporto e la quantità di spazi per gli uffici in affitto. In totale, sono state valutate 301 città. (https://it.rbth.com/economia/80177-mosca-per-fare-business )

Investire in Russia, cresce la fiducia da parte degli imprenditori stranieri.

Secondo un recente sondaggio sta migliorando la percezione del clima economico nel Paese. Positivi i feedback forniti dagli uomini d’affari, tornati ai livelli pre-crisi
Sempre più uomini d’affari stranieri vedono in Russia interessanti opportunità di investimento. Secondo un recente sondaggio realizzato dall’Unione russa degli industriali e degli imprenditori (RSPP) e da FleishmanHillard Vanguard (Orta Communications Group), il 33% degli investitori stranieri valuta positivamente il clima imprenditoriale del Paese (+10% rispetto al 2016).

Si è quasi dimezzato infatti il numero di coloro che criticano lo stato attuale degli affari in Russia e danno feedback negativi: dal 53% del 2016 si è passati al 22% attuali.

“La valutazione del clima economico del Paese da parte degli investitori stranieri ha raggiunto gli stessi livelli registrati nel 2013, ovvero prima della crisi”, dice Elena Fadeeva, direttrice generale di FleishmanHillard Vanguard e presidente del Gruppo Orta Communications. (https://it.rbth.com/econom…/80059-investire-in-russia-cresce )

Stando ai risultati del mese di gennaio, la Russia è entrata nella TOP-5 dei Paesi con le maggiori riserve auree. Le sue riserve sono state stimate in 1.857 ton, ovvero 14 ton in più rispetto alla Cina. I primi quattro posti della classifica sono detenuti dagli USA (8.133 ton), dalla Germania (3.374 ton), dall’Italia (2.452 ton) e dalla Francia (2.436 ton) – (RG, pag.6, ed Expert № 9)

www.facebook.com/stefano.bruschi.33671
www.linkedin.com/in/stefano-bruschi-12952140/
www.russiaaffari.blogspot.it
www.russiaaffari.myblog.it/
www.russiaaffari.blog


Cerca con una parola

Archivi

Categorie