Economia, Russa sorpasserà la Germania nel 2020 – Migliorano le stime sull’inflazione e sul tasso di cambio del rublo per il secondo semestre del 2019 – In Russia inflazione a tasso 0 nel mese di giugno – Made with Italy”: produzione in loco con elevati standard di eccellenza.

Economia, Russa sorpasserà la Germania nel 2020

Economia, Russa sorpasserà la Germania nel 2020 – Migliorano le stime sull’inflazione e sul tasso di cambio del rublo per il secondo semestre del 2019 – In Russia inflazione a tasso 0 nel mese di giugno – Made with Italy”: produzione in loco con elevati standard di eccellenza.

Nel futuro prossimo delle maggiori economie mondiali non c’è soltanto l’imminente sorpasso della Cina ai danni degli Stati Uniti . Lo stesso report sulle previsioni della banca britannica Standard Chartered, infatti, anticipa un altro sorpasso: quello che vedrebbe la Russia superare la Germania al quinto posto fra le maggiori economie globali (in termini di Pil corretti con i cambi a parità di potere d’acqisto – PPP). Un sorpasso, anche questo, che sarebbe dietro l’angolo: è previsto nel 2020. (Estratto da wallstreetitalia di Alberto Battaglia )

Migliorano le stime sull’inflazione e sul tasso di cambio del rublo per il secondo semestre del 2019

La più grande banca russa ha rivisto in meglio le sue previsioni di inflazione, e ritiene che il rublo si rafforzerà ancora di più nella seconda metà dell’anno – Lo scenario più probabile per lo sviluppo dell’economia russa è un proseguimento della crescita.

Per gli esperti di Sberbank Investment Research, divisione analitica di Sberbank CIB, così come per molti altri, è stata una sorpresa vedere che, per la prima volta nella storia economica moderna, nel mese di giugno si è registrata un’inflazione mensile pari a zero. Questo risultato ha comportato un calo dell’inflazione annua fino al 4,7%. ( estratto da Russia 24 Intesasanpaolo Il Sole 24ore)

Negli ultimi anni la politica economica russa ha intrapreso una strada che direttamente o indirettamente è legata alla questione delle sanzioni incrociate con l’Occidente.

In particolare, Mosca ha lanciato un piano di sostituzione delle importazioni, il cosiddetto “Import Substitution Plan”, con l’obiettivo di ridurre le importazioni del 50% entro il 2020 e sostituire nel tempo i beni provenienti dall’estero con prodotti sul territorio russo. Questa scelta ha spinto le aziende italiane fortemente colpite dalle sanzioni e interessate a mantenere la loro presenza nell’area di passare dal “Made in Italy” al “Made with Italy” che in sostanza significa rafforzare la produzione in loco conservando elevati standard di eccellenza. ( estratto da Sputnik)

www.consultpartners.org   www.russiaaffari.blog


Made with Italy”: il futuro è produrre in Russia. Ulteriore possibilità per le aziende che vorrebbero espandersi. Consulenti & Partners ormai da tempo supporta le PMI italiane nel loro “Made with Italy”.

Negli ultimi anni la politica economica russa ha intrapreso una strada che direttamente o indirettamente è legata alla questione delle sanzioni incrociate con l’Occidente.
In particolare, Mosca ha lanciato un piano di sostituzione delle importazioni, il cosiddetto “Import Substitution Plan”, con l’obiettivo di ridurre le importazioni del 50% entro il 2020 e sostituire nel tempo i beni provenienti dall’estero con prodotti sul territorio russo. Questa scelta ha spinto le aziende italiane fortemente colpite dalle sanzioni e interessate a mantenere la loro presenza nell’area di passare dal “Made in Italy” al “Made with Italy” che in sostanza significa rafforzare la produzione in loco conservando elevati standard di eccellenza.
— La Russia ha bisogno della tecnologia di investitori italiani e l’Italia non vuole perdere l’attraente mercato russo e quello euroasiatico. In attesa di una soluzione al problema delle sanzioni introdotte dall’Unione europea, Mosca e Roma hanno trovato una formula “Made in Russia with Italy”. Considera proficuo questo modo di fare affari? (Sputnik si è rivolto a Alessandro Grando)

— Io credo che questo fare da tramite (se così si può dire) in questo momento è fondamentale anche perché la maggior parte delle aziende italiane sono rivolte all’interno del mercato del paese. E da questo punto di vista è sconosciuto tutto quello che riguarda il commercio con l’estero e anche con la Russia. Quindi è fondamentale che ci sia una realtà come “Made with Italy”.

— Il mercato italiano oggi è un mercato in crisi. L’economia non cresce e c’è anche molta sfiducia da parte degli investitori. Quindi oggi le imprese italiane fanno veramente molta fatica ad andare avanti, per cui investire in Russia in questo momento è un modo migliore per diversificare la propria attività e un’ulteriore possibilità per le aziende che vorrebbero espandere.

Per SACE la Russia è il secondo paese per valore del portafoglio investimenti e progetti e Sputnik ha domandato a Sace: non avete paura ad essere così tanto esposti?

…la Russia si è confermato un sistema economico in chiara ripresa, aiutato anche da un ciclo congiunturale che, chiaramente, con l’aumento dei prezzi del petrolio rende questa ripresa ancora più solida e, come ribadisco sempre, il governo russo e tutto il sistema hanno dimostrato di avere grandi capacità di gestione di situazione che potenzialmente potevano essere critici.
…Allargando la prospettiva: vendere in Russia ma non solo, credo che il concetto più volte rilanciato di passare dal «Made in» al «Made with» sia un concetto particolarmente calzante per il contesto russo e rappresenta un’opportunità per le aziende italiane…..credo che le aziende italiane abbiamo un livello di competenze e flessibilità che le rende particolarmente adatte a raccogliere questa sfida. ( estratti da Sputnik)

Consulenti & Partners, nota organizzazione a direzione Italiana, che da18 anni in Russia, supporta le aziende italiane per la loro delocalizzazione nel mercato di Eurasia, già da tempo si è organizzata non solo per aiutare le imprese italiane a fare mercato in Russia con le loro produzioni, ma anche attivando strutture commerciali e produttive di aziende italiane che hanno voluto aprire in Russia loro dirette attività. In particolare Consulenti & Partners è specializzata nel dare supporto alle piccole e medie imprese riducendo al minimo gli investimenti/costi e sollevandole da ogni problematica per la realizzazione del loro business in Russia, anche nel caso del “Made with Italy”, con tutte le competenze al proprio interno compreso la gestione amministrativa/fiscale, trasporti e pratiche doganali, costituzione, domiciliazione e direzione di società, controllo produttività e regolarità contabili, e problem solving.


L’export italiano verso la Russia torna a crescere e le imprese italiane stanno riconquistando un mercato fondamentale che offre svariate possibilità

L’export italiano verso la Russia torna a crescere e le imprese italiane stanno riconquistando un mercato fondamentale che offre svariate possibilità dalle agevolazioni fiscali al nuovo mondo del “Made with Italy”. Italia-Russia: ripartono i rapporti economici, alla faccia delle sanzioni.

Ebbene sì, in un contesto di tensione sull’arena politica internazionale, fra Italia e Russia si rafforzano gli scambi commerciali, a dirlo sono i numeri: cresce del 19,3% l’export italiano rispetto all’anno precedente. Tali risultati si avvicinano sempre più al livello del periodo d’oro pre-sanzioni.

Al di là delle sanzioni, i rapporti fra Italia e Russia sono sempre molto positivi, il presidente Putin ha recentemente ricordato che l’Italia è un partner privilegiato della Russia, come la Russia lo è per l’Italia. Abbiamo due economie speculari: acquistiamo molto gas, petrolio, la Russia importa molti prodotti tipici del Made in Italy di alta qualità, riconosciuti in tutto il mondo.

— Il mercato russo quindi anche oggi offre tante possibilità agli imprenditori italiani.  — Parliamo di un mercato fondamentale, perché vi è stata un’inversione di tendenza nell’economia russa e quindi l’export italiano in Russia nel 2017 ha contato un 19,3% in più rispetto all’anno precedente.

Nonostante le sanzioni vi è l’opportunità di investire in Russia, parliamo del cosiddetto “Made with Italy”. Com’è stato spiegato più volte dai funzionari russi, c’è la possibilità di creare sul territorio della Federazione Russa un prodotto con la conoscenza e l’esperienza italiane.

Fra i nostri due Paesi lo scambio è veramente profondo, non solo nelle relazioni commerciali, ma anche nella sfera della cultura e del turismo.
A proposito, il turismo russo è fondamentale per l’Italia e il numero di turisti russi in Italia in 9 mesi nel 2017 è aumentato dell’8%,  quindi il turismo è tornato a crescere con i russi che sono i principali top spender in questo momento subito dopo i cinesi, hanno un budget intorno al migliaio di euro, i russi solitamente amano venire in Italia non solo a fare una vacanza in un Paese accogliente, ma anche a comprare tanta moda e tanto cibo.
Negli ultimi anni abbiamo visto la tendenza dei russi ad uscire fuori dalle città principali e a scoprire tante cittadine più piccole e meno conosciute. Un aspetto caratteristico del turismo russo è che loro tendono a ritornare in Italia.

E non solo formaggi e vini. Cresce l’importanza delle energie rinnovabili in Russia e crescono anche le opportunità per l’Italia, che è tra i leader mondiali in questo settore.  Al verde, inteso come il colore delle energie rinnovabili è stata dedicata la seconda giornata del forum IV Forum Economico Internazionale di Yalta, con la tavola rotonda «Ecologia e qualità della vita» organizzata dal Ministero dell’ambiente russo, spiega a Sputnik Italia, Fabrizio Candoni, presidente di Avietta Italia:

“Noi come Avietta ci occupiamo di waste, waste energy e water treatment. E’ una questione molto importante, anche se ci sono un pò di problemi con la Crimea. L’ho detto in un passaggio molto veloce del mio intervento, però non è facile. Noi mettiamo da parte la politica internazionale e vorremmo che non ci fossero le sanzioni, l’abbiamo anche dichiarato dove possiamo e speriamo che il nuovo governo segua questo corso. Le sanzioni non servono a nessuno, quindi vanno tolte”.

E al forum anche la proposta per produrre fragole di qualità italiana in Crimea.
E’ Stefano Valdegamberi, deputato veneto e membro dell’Associazione Internazionale degli Amici della Crimea, oltre che assiduo ospite del Forum Economico Internazionale di Yalta. Nel corso della serata di gala di venerdi 21 aprile ha dichiarato di fronte alla platea: «Con degli investitori italiani stiamo per lanciare la produzione di fragole di qualità in Crimea, ma io ho un altro sogno, quello da qui al 2019 di iniziare a produrre qui un olio d’oliva di qualità. Che sarà il primo olio d’oliva made in Russia sulle vostre tavole»

E già mercoledì 18 scorso i rappresentanti dell’Italia e del Territorio di Krasnodar hanno manifestato l’intenzione di sviluppare la cooperazione economica, compresi i settori delle energie pulite, dell’agricoltura e della balneologia, come dichiarato dall’ufficio stampa dell’amministrazione del Territorio di Krasnodar. Mercoledì è giunta a Krasnodar dall’Italia una delegazione di uomini d’affari.

La missione imprenditoriale, guidata dall’ambasciatore della Repubblica Italiana nella Federazione Russa Pasquale Terracciano, era  composta dai rappresentanti di 54 aziende italiane.
(da varie interviste su Sputnik)
www.russiaaffari.blog
www.facebook.com/stefano.bruschi.33671
www.linkedin.com/in/stefano-bruschi-12952140/


Cerca con una parola

Archivi

Categorie