9 Maggio il giorno della Vittoria, in Russia Festa Nazionale.

9 Maggio il giorno della Vittoria, in Russia Festa Nazionale.

Il Giorno della Vittoria in Russia.
Il 9 maggio la Russia festeggia il Den’ Pobedy, il Giorno della Vittoria nella Grande guerra patriottica. Oppure semplicemente “la guerra”, che sia nelle scuole che a livello di percezione comune viene vista come uno scontro tra russi e tedeschi, iniziato il 22 giugno 1941, quando Hitler ha lanciato l’invasione dell’Unione Sovietica.
I manuali di storia raccontano che la Grande guerra patriottica fa parte della Seconda guerra mondiale, ma tutti gli altri aspetti storici – dalla guerra in Europa dal 1 settembre 1939 a quella contro il Giappone, lo sbarco in Normandia, gli Alleati – vengono menzionati come eventi collaterali a quella che resta la guerra e la vittoria dei russi (o dei sovietici) contro il nazismo.
Perché il 9 maggio.
La capitolazione del Terzo Reich venne firmata con gli Alleati il 7 maggio 1945 ed entrò in vigore l’8 maggio, quando in tutta Europa si celebra il giorno della Memoria. L’Armata Rossa combatteva a Berlino, e Stalin volle rivendicare quello che considerava il contributo decisivo dell’Urss nella sconfitta di Hitler con una capitolazione che i tedeschi dovevano consegnare ai russi. L’ammiraglio Keitel firmò la resa al maresciallo Gheorghy Zhukov la sera dell’8 maggio 1945, quando a Mosca a causa della differenza del fuso orario era già il 9 maggio.
Come si festeggia.
Il Giorno della Vittoria è diventato festa soltanto nel 1965. Da allora è un giorno non lavorativo, che comincia con una sfilata militare in piazza Rossa, che segue la coreografia della prima sfilata della Vittoria, il 24 giugno 1945. Le sfilate si sono tenute solo ogni cinque anni nel periodo post-sovietico, ma negli ultimi anni con Putin sono diventate più frequenti. Gli altri ingredienti tradizionali dei festeggiamenti sono gli incontri tra i veterani nei parchi e nelle piazze, un palinsesto di film e concerti di classici sulla guerra in tv, e i fuochi d’artificio la sera.
Perché è importante.
L’Unione Sovietica ha perso 28 milioni di vite nella guerra, e ha pagato sul campo di battaglia il prezzo più grande. Negli anni post-comunisti la celebrazione di una tragedia che ha colpito ogni famiglia ha assunto anche toni di rivincita: la vittoria su Hitler è rimasta l’unico pezzo del ’900 russo non soggetto a revisione storica e dove si era indubbiamente dalla parte dei giusti, un momento di unità nazionale e di autostima che resta intoccabile al dibattito, e che commuove e riempie di orgoglio la stragrande maggioranza dei russi.
Quali sono i simboli della festa.
La Bandiera rossa della Vittoria, quella issata sul Reichstag, la medaglia della Vittoria tempestata di diamanti meritata solo da una dozzina di persone, la canzone “Giorno della Vittoria” eseguita da Lev Leschenko, la polenta distribuita da cucine da campo modello anni ’40 nelle strade. Alla scenografia rimasta quasi immutata dall’epoca sovietica negli ultimi anni si sono aggiunti il nastrino nero-arancio dei reggimenti di guardia, diventato l’emblema anche dei separatisti filo-russi nell’Est ucraino, e Stalin, che dopo decenni di rimozione riappare su manifesti, fiancate di autobus e distintivi. Tra gli eroi moderni della Vittoria da quest’anno ci sono i bikers dei Lupi notturni, che contano tra i loro fan anche Putin, che con le loro Harley volevano marciare fino a Berlino, ma sono stati bloccati dalla Polonia.
( “La Stampa”)

www.facebook.com/stefano.bruschi.33671
www.linkedin.com/in/stefano-bruschi-12952140/


Cerca con una parola

Archivi

Categorie