Il commercio tra Russia e USA nel 2018 è aumentato dell’11,3%

Il commercio tra Russia e USA nel 2018 è aumentato dell’11,3%

……..Il commercio tra Russia e USA nel 2018 è aumentato dell’11,3%.
Il fatturato commerciale tra la Russia e gli Stati Uniti nel primo semestre 2018 è aumentato del 11,3%, rispetto allo stesso periodo del 2017, per un ammontare di 11.816 miliardi di dollari. Lo riferisce il Servizio federale russo delle dogane………..
……..”Il confronto in corso tra la Russia e gli Stati Uniti assomiglia per molti versi alla storia delle sanzioni contro la Cina dopo i tragici eventi del 1989 in piazza Tiananmen…
Tuttavia la Cina ha superato con successo le sanzioni e ne è uscita addirittura molto più forte. Possiamo dire che oggi le cose con la Russia stanno andando allo stesso modo”, afferma l’esperto Andrey Fesyun, della Scuola Superiore di Economia……………….
…….Matteo Salvini a Mosca: una nuova era di buone relazioni tra Italia e Russia.
Ecco un breve commento di Matteo Salvini a Sputnik Italia su questa delicata tematica: — Ministro, in agenda ritorneranno questioni importanti come l’abrogazione delle sanzioni contro la Russia uno dei cavalli di battaglia della campagna elettorale della Lega?
— Assolutamente! Immigrazione, commercio, sicurezza, buoni rapporti con la Russia, la questione delle sanzioni.. porteremo avanti tutto!………….
(Estratti da Sputnik)

www.russiaaffari.blog


SUCCESSO DELLA RUSSIA PER LA SUPERBA ORGANIZZAZIONE DEI MONDIALI NELLA MASSIMA SICUREZZA E DIVERTIMENTO PER TUTTI

SUCCESSO DELLA RUSSIA PER LA SUPERBA ORGANIZZAZIONE DEI MONDIALI NELLA MASSIMA SICUREZZA E DIVERTIMENTO PER TUTTI.
E SALVINI A MOSCA PER LA FINALE RIBADISCE IL NO ALLE SANZIONI.

Matteo Salvini: “Via queste assurde sanzioni” antirusse…

Matteo Salvini ha sottolineato come l’Italia sia il paese europeo più colpito da queste sanzioni, che ha ribadito “inutili a qualsiasi scopo” e “quantificabili in sette milioni di euro al giorno” mentre, altri paesi, quelli protagonisti della furia sanzionatoria, invece, vi abbiano guadagnato.

(Estratto da Sputnik)
Cruciale, certamente, l’incontro con il collega Ministro degli Interni russo Vladimir Kolokoltsev e con i massimi vertici della sicurezza della Federazione Russa dove è stata discussa una possibile collaborazione italo-russa su tutta una serie di punti: la lotta al terrorismo islamico, il problema del rientro in Italia, in Europa e anche in Russia dei foreign fighters, spesso segnalati dalle varie polizie tra i cosiddetti migranti, l’immigrazione clandestina e il suo contrasto, anche la richiesta di un auspicabile sostegno e appoggio da parte russa delle missioni italiane nel Nord Africa, scambi per la lotta alle mafie italiana e russa, al traffico di droga e al traffico di armi. In programma, inoltre, visite già nelle prossime settimane, di dirigenti italiani in Russia e viceversa per un aumento dello scambio d’informazioni e di collaborazioni, fino a ipotizzare pattuglie miste tra uomini delle forze dell’ordine russe e italiane.
Tuttavia, negli incontri con i vertici russi non si è parlato solo di sicurezza, ma sono state discusse tutta una serie di questioni nei riguardi delle relazioni italo-russe, dove però il governo italiano dovrà confrontarsi con le posizioni dei partner europei, soprattutto riguardo alle politiche delle sanzioni contro la Russia.

Matteo Salvini ha sottolineato come l’Italia sia il paese europeo più colpito da queste sanzioni, che ha ribadito “inutili a qualsiasi scopo” e “quantificabili in sette milioni di euro al giorno” mentre, altri paesi, quelli protagonisti della furia sanzionatoria, invece, vi abbiano guadagnato.

Ecco un breve commento di Matteo Salvini a Sputnik Italia su questa delicata tematica:

— Ministro, in agenda ritorneranno questioni importanti come l’abrogazione delle sanzioni contro la Russia uno dei cavalli di battaglia della campagna elettorale della Lega?

— Assolutamente! Immigrazione, commercio, sicurezza, buoni rapporti con la Russia, la questione delle sanzioni.. porteremo avanti tutto!

— E per la Crimea?

— Facciamo una cosa alla volta… questo è un fronte che, per altro, abbiamo già aperto. Sono convinto lavoreremo bene.

La visita si è conclusa con la Conferenza stampa di Matteo Salvini che in primo luogo ha voluto esprimere i suoi più sentiti complimenti:

“Per l’organizzazione di uno dei campionati mondiali di calcio più belli, più sicuri, più giovani, più sorprendenti degli ultimi anni. Penso che la Russia abbia dato un’immagine di freschezza di sicurezza di efficienza a tutto il mondo”.


IL VOSTRO BUSINESS IN RUSSIA CON LA NOSTRA PARTNERSHIP

CON LA NOSTRA PARTNERSHIP PER AFFRONTARE QUESTO ENORME MERCATO. UN’OPPORTUNITA’ PER UN’AZIONE MIRATA NEL VOSTRO TARGET DI MERCATO DELL’AREA RUSSA.

Meccanica – Semilavorati – Moda e Accessori – Agroalimentare e bevande – Arredamento e edilizia – Mezzi di trasporto – Chimica e Farmaceutica – Macchianari, Impianti, Attrezzature, Contract ecc.
Ma anche per produrre in loco, attivare una vostra azienda, una vostra società, una partnership produttiva, una vostra iniziativa di business…..

Consulenti & Partners da 17 anni presente a Mosca con una struttura storica e proprie attività di successo, vi propone una partnership per la vostra prova d’introduzione e il vostro business nel mercato russo:
• 18 mesi di prova con una project manager dedicata che opera per voi dalla nostra sede di Mosca.
• Presentazione e promozione della vostra azienda/prodotto nel giusto target di mercato e in ogni area della Federazione Russa e nazioni russofone.
• Gestione e sviluppo del mercato con continua ricerca di nuovi clienti.
• Assistenza diretta per trasporti, sdoganamenti, certificazioni.
• Gestione pagamenti e transazioni in valuta internazionale.
• Problem solving, garanzie post vendita.

AL NOSTRO INTERNO OGNI COMPETENZA E PERSONALE SPECIALIZZATO PER GESTIRE IN PROPRIO: trasporti e sdoganamenti, certificazioni, transazioni valutarie, gestioni commerciali, gestioni amministrative, marketing, garanzie, problem solving e molto altro ancora. Una direzione italiana di tutta l’organizzazione con 22 addetti nelle varie aree, una competenza assoluta nel mercato russo data dalla costante presenza in Russia di oltre 17 anni ed una esperienza di oltre 30 anni nella direzione e servizi alle imprese. I costi e i rischi di questa partnership sono a carico di Consulenti & Partners perché vi richiederemo soltanto: una Royalties sul fatturato incassato e un fee iniziale di adesione alla portata anche della più piccola azienda.

www.consultpartners.org
info@consultpartners.org

007 495 3479292 Segreteria di Milano: 02 87348028


CONTE,SALVINI, DI MAIO E I MARPIONI DELL’EUROPA

CONTE, SALVINI, DI MAIO: PRESI PER “IL CULO” DAI “MARPIONI” DELL’ERUOPA.

E’ inutile negarlo su tutti i fronti i marpioni europei hanno vinto! Hanno vinto per gli emigranti e hanno vinto per le sanzioni alla Russia. E per salvare la faccia i tre “rinnovatori” ostentano soddisfazione e sulla totalmente inesistente vittoria, della quale nessuno ha spiegato in cosa consistesse e dalla quale nessuno ha capito cosa è stato ottenuto: un bel nulla, salvo, se si vuole, una falsa presa di coscienza del problema italiano che comunque rimane un problema italiano: se non si soccorrono i migranti siamo assassini, se si soccorrono siamo i soliti ” coglioni”.
A questo punto meglio soccorrerli tramite la marina e la guardia costiera italiane visto che non vogliamo morti sulla nostra coscienza: unica vera coscienza in Europa, e fare da noi: e solo su questo siamo d’accordo.

Per contro, visto che la politica è politica, ovvero cosa sporca a vantaggio di pochi, Conte, Salvini e Di Maio avrebbero fatto bene a non aderire nuovamente alle sanzioni contro la Russia, avrebbero dovuto essere contro, come da promesse, e allora si che avrebbero, in tutto questo guazzabuglio, vinto, portandosi a casa qualcosa di realmente positivo per la nostra agricoltura e tutte le piccole aziende del settore, e per il nuovo governo dell’innovazione che avrebbe dovuto diventare lo “spauracchio europeo”.

Invece tutto e tutti si sono allineati: VERGOGNA!

Scrive Maurizio Blondet:
La vittoria, se la vogliamo guardare in faccia, c’è. Evidente e chiara. Consiste nel prendere coscienza che non esiste “soluzione europea” al problema dei migranti. E nemmeno a nessun altro problema che ci riguardi.
Che l’”Europa”non è che una accolta di furbastri che, mentre tu tratti duramente ma lealmente, fanno accordi sottobanco in piccole riunioni bilaterali di cui non ti dicono nulla.
Dunque ecco la vittoria: capire che la cosiddetta Unione Europea è un sistema metodico di arbitrio, prepotenza, slealtà ed oppressione.

La Grecia ha accettato, poveretta , di accogliere i migranti “secondari”, che la Baviera caccerà, perché la Merkel consente a Tsipras – in cambio – di rimandare sine die il rincaro dell’IVA che la BCE, e Bruxelles, gli imponevano con tanta insistenza (come lo impongono a noi). Tsipras spera così di vincere le elezioni. Quanto a Sanchez, ha accettato di prendersi i profughi cacciati dalla Germania perché il debito pubblico e privato della Spagna è stato contratto con l’estero – è schiacciata dalla Negative International InvestmentPosition (NIIP), dunque dipende dalla Germania molto più di noi, che gran parte del nostro debuito pubblico lo abbiamo in Italia, e debito privato quasi non ne abbiamo.

Con questi espedienti degradanti – per i servi – la Merkel ci “ha isolato” e forse raggirato. Per salvare il suo governicchio.

Mentre Tatiana Santi scrive su Sputnik:
L’Unione Europea ha prorogato le sanzioni contro la Russia di altri 6 mesi con il beneplacito dell’Italia, sì, del Paese che più si è speso per sottolineare il danno economico delle misure antirusse. Il Made in Italy e gli imprenditori pagheranno come sempre il conto. Insomma, parole, soltanto parole.

Oscurata dall’accordo sui migranti raggiunto dopo una notte di negoziazioni al vertice europeo, nella stampa e nei telegiornali italiani la notizia è passata quasi inosservata. La decisione di prolungare nuovamente le sanzioni contro Mosca però ha un peso non indifferente. Nonostante gli appelli della Coldiretti, dei produttori e degli imprenditori l’Italia non ha posto il veto sulla proroga delle sanzioni, facendo dietrofront sulle proprie decisioni.

Il premier Conte pochi giorni fa ha parlato esplicitamente al Parlamento di un cambio di rotta in merito alle sanzioni, il contratto di governo giallo-verde prevedeva l’abolizione delle misure antirusse.
Perché l’Italia nel momento decisivo si è tirata indietro?

Sputnik Italia ha raggiunto per un’intervista Lorenzo Valloreja, saggista, autore del libro “Al di là del pregiudizio”.
— L’Unione Europea ha prolungato di altri 6 mesi le sanzioni antirusse. L’Italia, nonostante i preannunci di Salvini e le iniziative espresse nel contratto di governo, non ha posto il veto. Lorenzo Valloreja, l’Italia ha perso così una grossa occasione?

— Sì, ha perso un’occasione importante. Io oggi sui social ho paragonato Conte a San Pietro, che ha rinnegato Cristo nella notte fra il giovedì e il venerdì. Conte ha abdicato al rapporto stretto che l’Italia aveva con la Russia. Noi avevamo un rapporto privilegiato con Mosca e ci eravamo fatti carico di un impegno importante: togliere le sanzioni.

..A questo punto capiamo che al governo manca la chiarezza sugli scopi internazionali.
Se ad Helsinki Trump ci farà la grazia di togliere le sanzioni alla Russia, può essere che l’Italia si sentirà più sicura a continuare in quella direzione. Noi non possiamo però essere a carico degli Stati Uniti. L’Italia aveva l’arma del veto, la doveva usare costi quel costi.

L’Italia avrebbe un ruolo importante, ma deve dimostrarlo nei fatti. Come italiano mi vergogno di certe situazioni, il governo giallo-verde aveva detto che avrebbe tolto le sanzioni, poi non lo fa, che figura ci facciamo?

Forse ci vergogniamo un po tutti noi italiani che avevamo creduto alle parole dei rinnovatori!!! ndr


il Circo Togni in Russia

Il circo Togni in Russia debutta durante il campionato mondiale di calcio.

Grande successo del Circo Togni in Russia, debutto a Kazan con tutto esaurito anche nelle repliche.
Un contratto di
due anni lega lo storico Circo Togni all’organizzazione di stato Rosgoscirco che ha accolto con grande entusiasmo l’iniziativa curata dalla nostra organizzazione Consulenti & Partners.

Proveniente dall’Ucraina, dove ha tenuto una serie di spettacoli anche nelle zone più a rischio, il Circo Togni è passato in Russia, senza non poche difficoltà nell’attraversare la parte Ucraina confinante con la Russia.

Molto sostegno ha invece ottenuto dai russi che hanno agevolato, per quanto possibile, nel rispetto delle leggi e regolamenti, l’ingresso in Russia e proprio in virtù dei vari animali al seguito che, giunti nella città di confine di Belgorod e più precisamente nel paese di frontiera Nehkoteevka hanno accolto la Famiglia Togni animali compresi (ormai parte integrante della famiglia, come affermano gli stessi Togni), portando cibo per gli animali e anche cucinando cibi tipici per i Togni e il loro staff.

Elefanti, tigri, cammelli, cavalli, bisonti, canguri… visitati ripetutamente dai veterinari per le certificazioni di rito, erano in perfetta salute, ben nutriti e senza il minimo stress, venivano accolti dal proprietario di un terreno a ridosso del confine dove ha offerto ampi spazi per ospitare tutta l’organizzazione Togni.

Un grande affetto dimostrato dai Russi che sappiamo bene essere molto generosi, spontanei e amanti degli animali.

La famiglia Togni ha ringraziato personalmente tutti, prima di ripartire per l’area di Mosca e successivamente per il debutto a Kazan.
Un particolare ringraziamento e riconoscimento è stato dato dalla Famiglia Togni alla nostra organizzazione Consulenti & Partners che ha supportato ogni difficoltà incontrata, risolvendo le molte problematiche, fin dalla partenza in Ucraina.


Per il vostro business nel mercato russo, una proposta unica nel suo genere per ogni piccola e media impresa: un’occasione da non perdere

Consulenti & Partners da oltre 16 anni presenti a Mosca con una struttura storica e proprie attività di successo. La nostra proposta per la vostra introduzione nel mercato russo:

  • 18 mesi di prova con una project manager dedicata che opera per voi dalla nostra sede di Mosca.
  • Presentazione e promozione della vostra azienda/prodotto nel giusto target di mercato e in ogni area della Federazione Russa e nazioni russofone.

( E’ previsto un vostro intervento in Russia, di due giornate lavorative, per incontrare le più importanti aziende interessate al vostro prodotto/servizio )

  • Gestione e sviluppo del mercato con continua ricerca di nuovi clienti.
  • Assistenza diretta per trasporti, sdoganamenti, certificazioni.
  • Gestione pagamenti e transazioni in valuta internazionale.
  • Problem solving, garanzie post vendita.
  • Agiremo come vostra sede di Mosca, come ufficio diretto della vostra azienda offrendo il più ampio supporto per ogni necessità sia vostra che dei vostri interlocutori.
  • Una proposta, a basso rischio e un costo alla portata anche della più piccola aziende.

UNA PROPOSTA CHE SOLO NOI POSSIAMO FARE AVENDO AL NOSTRO INTERNO OGNI COMPETENZA E PERSONALE SPECIALIZZATO

Noi gestiremo direttamente: trasporti e sdoganamenti, certificazioni, transazioni valutarie, gestioni commerciali, gestioni amministrative, marketing, garanzie, problem solving e molto altro ancora.

Una direzione italiana di tutta l’organizzazione con oltre 20 addetti nelle varie aree, una competenza assoluta nel mercato russo data dalla costante presenza in Russia di oltre 17 anni ed una esperienza di oltre 30 anni nella direzione e servizi alle imprese.

www.consultpartners.org      www.russiaaffari.blog

Per contattarci dall’Italia: 02 87348028 tramite la nostra segreteria internazionale

Consulenti & Partners Ul. Bratislavskaya, 26 — 109469 Moscow – Russia Tel. 007 495 3471461– 007 495 3471462– 007 495 3479292

Consulenti & Partners Corso San Gottardo — 6830 Chiasso – Svizzera

Richiedi informazioni via mail:  info@consultpartners.org

www.facebook.com/stefano.bruschi.33671

www.linkedin.com/in/stefano-bruschi-12952140/

www.russiaaffari.blogspot.it

www.russiaaffari.myblog.it/

www.russiaaffari.blog


Master di Consulenti & Partners in internazionalizzazione con specializzazione finale nel mercato dell’Area Russa

Master di Consulenti & Partners in internazionalizzazione con specializzazione finale nel mercato dell’Area Russa, rivolto a coloro che abbiano concluso un ciclo superiore di studio, ad operatori aziendali già attivi, alle associazioni di categoria per i loro associati, ad organismi di formazione e università per corsi post diploma.

Il network Consulenti & Partners è da oltre 35 anni impegnata nella consulenza alle imprese e in particolare per l’inserimento nei mercati esteri, mentre da 16 anni è presente in Russia ed è in assoluto l’unica organizzazione strutturata e completamente autonoma e operativa nel mercato dell’area russa, con sede e organizzazioni proprie a Mosca.

Competenze altamente specializzate ci rendono l’organizzazione più referenziata e con i più ampi successi ottenuti che offre supporto alle imprese italiane per l’inserimento e il loro sviluppo nel mercato dell’area Russa. Data la vasta esperienza e gli ampi successi acquisiti in questo mercato operando a vari e vasti livelli, nessuno meglio di noi poteva strutturare e mettere a punto un corso intensivo di formazione per operatori nell’internazionalizzazione delle imprese, e con particolare specializzazione nel mercato dell’area russa.

Un efficace strumento di qualificazione e d’inserimento nel mondo del lavoro vista l’importanza che l’internazionalizzazione riveste nel quadro dell’imprenditoria Italiana: nessun azienda può esimersi dal cercare d’introdursi nei mercati esteri e in particolare in quelli in pieno sviluppo e con prospettive a lungo termine.

Il master ha lo scopo di qualificare personale specializzato per operare nelle imprese come specialista nell’internazionalizzazione, e anche ad attivare una propria professione come consulenti esterni per l’internazionalizzazione delle imprese.

Quindi il nostro corso è rivolto ai singoli che abbiano concluso un ciclo superiore di studio ed anche ad operatori aziendali già attivi , alle associazioni di categoria per i loro associati, ad organismi di formazione e università per corsi post universitari.

Il corso/master di specializzazione è strettamente mirato al “saper fare”, alle conoscenze specifiche e pratiche realmente applicabili con assoluto successo nell’ internazionalizzazione dell’impresa italiana.

Il corso da noi proposto ha lo scopo precipuo di formare operatori aziendali che siano realmente in grado di inserire l’azienda nei mercati esteri in genere e con una specializzazione finale per il mercato dell’area russa, acquisendo una preparazione soprattutto pratica tale da essere immediatamente operativi e produttivi per l’azienda stessa.

La nostra organizzazione rilascia un certificato che attesta il percorso e la specializzazione, superati test di verifica in itinere e un esame finale con discussione di una “tesina” conclusiva.

Consulenti & Partenrs, molto conosciuta e apprezzata nell’ambito imprenditoriale italiano e altamente operativa nell’area Russa, si occuperà anche di promuovere e presentare i giovani specializzati presso aziende italiane nelle varie aree regionali.  Per coloro che parlano russo si può prevedere uno stage presso l’organizzazione di Mosca di Consulenti & Partners.

www.facebook.com/stefano.bruschi.33671

www.linkedin.com/in/stefano-bruschi-12952140/

www.russiaaffari.blogspot.it

www.russiaaffari.myblog.it/

www.russiaaffari.blog


L’agenzia di rating Standard & Poor’s ha elevato il rating della Russia – Mosca per fare business è una delle prime sei città del futuro – Investire in Russia, cresce la fiducia da parte degli imprenditori stranieri.

L’agenzia di rating Standard & Poor’s ha elevato il rating della Russia fino a quello d’investimento (BBB-), accompagnandolo con una previsione stabile.

L’altra agenzia internazionale Fitch ha confermato il livello del rating russo pari a BBB-.

La terza grande agenzia Moody’s ha migliorato solamente la sua previsione relativa al rating sovrano della FR e ha confermato il livello Ba1, ovvero quello “non d’investimento”.

I giornali hanno messo in rilievo che “l’avanzamento del rating russo aumenterà di $500 mln gli investimenti di portafoglio realizzati dagli imprenditori stranieri in Russia”.
Hanno rivelato inoltre che le 3 principali agenzie di rating hanno preso in considerazione i buoni indici macroeconomici della Russia, la correzione della sua politica fiscale e il corso flessibile del cambio valutario del rublo.

Anche il Ministro dello Sviluppo Economico Maxim Oreshkin ha messo in rilievo questi fattori e ha sottolineato che “il mercato già nel 2017 ha valutato la qualità degli attivi finanziari russi più altamente delle agenzie di rating”. I giornali di oggi hanno evidenziato che il miglioramento del rating sovrano della FR ha aumentato la domanda degli attivi in rubli e ha favorito un rafforzamento della divisa russa –

Stando ai risultati del mese di gennaio, la Russia è entrata nella TOP-5 dei Paesi con le maggiori riserve auree. Le sue riserve sono state stimate in 1.857 ton, ovvero 14 ton in più rispetto alla Cina. I primi quattro posti della classifica sono detenuti dagli USA (8.133 ton), dalla Germania (3.374 ton), dall’Italia (2.452 ton) e dalla Francia (2.436 ton) – (RG, pag.6, ed Expert № 9, pag.4, del 2

Mosca? Per fare business è una delle prime sei città del futuro
Nella speciale classifica biennale di fDi Intelligence la capitale russa è molto ben posizionata
Nella classifica delle “città del futuro” stilata da fDi Intelligence per il 2018/19, Mosca occupa la sesta posizione in Europa. Al primo posto c’è Londra, seguita da Dublino, Parigi, Amsterdam e Monaco. Nessuna città italiana rientra nelle prime 25 posizioni, così come nessuna regione d’Italia nella relativa classifica generale (per la Russia c’è invece il 13º posto del Circondario federale centrale, che riunisce 18 regioni attorno a Mosca).

Il rating biennale di fDi tiene conto delle infrastrutture, degli incentivi e delle capacità delle città e delle regioni di attrarre investimenti futuri. Il rating aiuta gli investitori pubblici e privati, gli uomini d’affari e gli operatori di borsa.

Nella speciale classifica delle città dell’Europa dell’Est Mosca domina, seguita da Varsavia, Bucarest, Praga, Bratislava e Budapest. Mosca è anche quinta nella top ten europea delle città più business-friendly (la capitale russa ha davanti a sé Londra, Dublino, Varsavia e Bucarest), basata su open source e database propri di fDi. Questa classifica rende in considerazione vari criteri come il prodotto interno lordo delle città, la durata media della vita dei cittadini, la percentuale di cittadini con istruzione superiore, le infrastrutture di trasporto e la quantità di spazi per gli uffici in affitto. In totale, sono state valutate 301 città. (https://it.rbth.com/economia/80177-mosca-per-fare-business )

Investire in Russia, cresce la fiducia da parte degli imprenditori stranieri.

Secondo un recente sondaggio sta migliorando la percezione del clima economico nel Paese. Positivi i feedback forniti dagli uomini d’affari, tornati ai livelli pre-crisi
Sempre più uomini d’affari stranieri vedono in Russia interessanti opportunità di investimento. Secondo un recente sondaggio realizzato dall’Unione russa degli industriali e degli imprenditori (RSPP) e da FleishmanHillard Vanguard (Orta Communications Group), il 33% degli investitori stranieri valuta positivamente il clima imprenditoriale del Paese (+10% rispetto al 2016).

Si è quasi dimezzato infatti il numero di coloro che criticano lo stato attuale degli affari in Russia e danno feedback negativi: dal 53% del 2016 si è passati al 22% attuali.

“La valutazione del clima economico del Paese da parte degli investitori stranieri ha raggiunto gli stessi livelli registrati nel 2013, ovvero prima della crisi”, dice Elena Fadeeva, direttrice generale di FleishmanHillard Vanguard e presidente del Gruppo Orta Communications. (https://it.rbth.com/econom…/80059-investire-in-russia-cresce )

Stando ai risultati del mese di gennaio, la Russia è entrata nella TOP-5 dei Paesi con le maggiori riserve auree. Le sue riserve sono state stimate in 1.857 ton, ovvero 14 ton in più rispetto alla Cina. I primi quattro posti della classifica sono detenuti dagli USA (8.133 ton), dalla Germania (3.374 ton), dall’Italia (2.452 ton) e dalla Francia (2.436 ton) – (RG, pag.6, ed Expert № 9)

www.facebook.com/stefano.bruschi.33671
www.linkedin.com/in/stefano-bruschi-12952140/
www.russiaaffari.blogspot.it
www.russiaaffari.myblog.it/
www.russiaaffari.blog


QUANDO NON SI CAPISCE DA CHE PARTE GUARDARE LA FACCIA…………………Il leader del Partito Democratico Matteo Renzi

QUANDO NON SI CAPISCE DA CHE PARTE GUARDARE LA FACCIA…………………Il leader del Partito Democratico Matteo Renzi ha incontrato i giornalisti dell’Associazione della Stampa Estera per chiarire alcuni punti del programma elettorale del PD e alla domanda :

Durante questa campagna elettorale i partiti del centrodestra e il Movimento 5 Stelle hanno parlato molto della necessità di abolire le sanzioni antirusse. E il PD cosa ne pensa? Ha risposto che la Russia è la nostra vicina

“Penso che nel dibattito rispetto della Russia ci sia una demagogia che trovo in tutte le discussioni. Io credo che l’Italia starà sempre nella comunità atlantica e sempre nell’ambito delle posizioni europee.
Italia non si staccherà mai dagli altri partner dell’Ue. In Italia ero contestato per essere meno filorusso rispetto a Salvini e le 5 Stelle e in Europa ero contestato per essere più filorusso.
Io ritengo che la casa d’Italia sia l’Europa e l’amicizia con gli Stati Uniti non sia mai in discussione.
Allo stesso tempo la Russia sia il principale vicino di casa dell’Europa con una straordinaria tradizione culturale. Ricordiamo Dostoevskij che scrive a Firenze delle pagine meravigliose dell’Idiota e che scrive anche le pagine sull’Europa.
E quindi di conseguenza il nostro sforzo è quello di creare i ponti e non creare i muri.

In questo spirito nel giugno 2016 mi sono recato al Forum Economico di Saint Pietroburgo come l’ospite d’onore e in presenza del Presidente Putin ho espresso tutti questi concetti sulla relazione tra l’Europa e la Russia” — lo ha detto Renzi, sottolineando la sua intenzione sarebbe quella di tenere aperto il canale del dialogo con la Russia.

….(ndr) e noi a conferma e supporto di quanto sopra e dell’interesse di Renzi a tenere aperto il canale del dialogo mostriamo una eloquente foto:

Dagli atteggiamenti si denota un intenso interesse per le relazioni con la Russia e una grande attenzione per i temi trattati e non meno importante il rispetto che qui dimostra per la Russia e il suo Presidente.

Grazie Matteo Renzi ex presidente del consiglio italiano e leader del PD: CI HA SPUTTANATO ABBASTANZA.
Noi speriamo di non rivederla mai più in Russia, nemmeno come turista, e le chiediamo di frenare la sua palese ipocrisia e le dichiarazioni di comodo, alla Russia non servono queste dichiarazioni di falsa amicizia ma soprattutto non servono a noi Italiani e alla maggioranza delle imprese italiane che con la Russia e in Russia hanno certamente legami d’interesse ma anche veri legami di amicizia vera.

E per dirla in breve lei, sig. Matteo Renzi, è un emerito imbecille, ovviamente nel senso etimologico del termine che, per sua informazione, dal latino imbecillis, significava debole, fiacco, malfermo, chi è senza bastone (avendone invece bisogno) appare fragile, impotente, senza forze. ….Così è l’intelligenza, il buon senso o il giudizio dell’imbecille: non sta sulle sue gambe è impotente. (E il tutto senza dover scomodare Dostoevskij tirato in ballo al fine di mitigare la sua ipocrisia e quant’altro)

 www.facebook.com/stefano.bruschi.33671
www.linkedin.com/in/stefano-bruschi-12952140/
www.russiaaffari.blogspot.it
www.russiaaffari.myblog.it/

www.russiaaffari.blog

 

 


Tanto per farsi un’idea tra sanzioni contro la Russia e gli affari ad ogni costo per salvaguardare le proprie economie…

Tanto per farsi un’idea tra sanzioni contro la Russia e gli affari ad ogni costo per salvaguardare le proprie economie…il tutto condito con la solita ipocrisia politica di basso profilo della UE, ma gli imprenditori non si lasciano abbindolare facilmente.

 …Il tema principale… era la situazione ucraina e quanto l’Amministrazione americana aveva fatto per favorire il colpo di stato contro il Governo in carica. Dal conflitto interno derivarono, come sappiamo, le sanzioni (e le contro-sanzioni) con la Russia che vedono tuttora parteciparvi tutti gli Stati europei, Germania compresa.

In realtà Berlino, nonostante sia stata parte in causa nelle manifestazioni che rovesciarono il precedente regime di Kiev, sta giocando sin dall’inizio una partita su due tavoli: con una mano spinge per il proseguimento delle sanzioni, mentre con l’altra continua a investire in Russia attraverso le consociate delle sue aziende residenti in quel Paese.

Come non bastasse, ha sottoscritto l’accordo che prevede il raddoppio del gasdotto North Stream II, infrastruttura che consentirà di dirottare sul nord del continente la maggior parte del gas che attualmente transita attraverso l’Ucraina. Proprio questa soluzione è la più evidente contraddizione con l’intento dichiarato di “proteggere” l’Ucraina nella sua marcia di avvicinamento all’Europa e, contemporaneamente, obbligare la Russia a venire a patti con Kiev.  ( tratto da opinione di M. Sommossa su sputnik)

Ma anche per la Francia il business è business: Le sanzioni non hanno costretto le aziende francesi ad abbandonare la Russia. Lo ha dichiarato il direttore della Camera di Commercio franco-russa Pavel Shinskiy.

“Il risultato più importante per il business francese, per quanto posso giudicare, è che nessuna società ha lasciato il territorio della Federazione Russa fin dall’inizio della crisi, e le sanzioni non hanno costretto nessuna azienda a farlo”, ha detto ai giornalisti Shinskiy dopo l’incontro fra il governatore della Regione di Mosca Andrey Vorobyov e l’ambasciatore francese Silvie Berman.

Shinskiy ha osservato che, nonostante le sanzioni esistenti, nuove aziende francesi sono interessate al mercato russo.

Le relazioni tra la Federazione Russa e i paesi occidentali sono peggiorate a causa della situazione in Ucraina e in Crimea. L’Occidente ha accusato la Russia di essere responsabile della destabilizzazione della situazione ed ha introdotto le sanzioni contro le persone fisiche e giuridiche russe. Mosca come contromisura ha introdotto l’embargo sui prodotti alimentari provenienti da quei paesi che hanno adottato le sanzioni. Di recente, nei paesi dell’UE sta crescendo l’opinione che sia necessario revocare le sanzioni contro la Russia.

E l’Italia, dopo una fase di sofferenza profonda, pur aderendo alle sanzioni contro la Russia ha visto una crescita dei fatturati tra Italia e Russia, come dichiara il ministro degli Esteri russo Serghej Lavrov, che  ha sottolineato la ripresa della crescita del fatturato del commercio tra la Russia e l’Italia nel 2017, e ha esortato a lavorare per consolidare il trend positivo.  “E’ incoraggiante che dopo un prolungato periodo di recessione nel commercio e fatturato economico dell’anno scorso c’è stata una crescita. Per i primi 11 mesi è aumentato di quasi il 20%, pari a 21,5 miliardi di dollari” ha detto Lavrov in una conferenza stampa dopo i colloqui con il collega italiano, Angelino Alfano.

“Continueremo a lavorare sul consolidamento di questo trend positivo, cerchiamo di mantenere il lavoro russo-italiano del consiglio per la cooperazione economica, industriale e monetario-finanziaria, di promuovere l’approfondimento della cooperazione industriale, la localizzazione della produzione delle imprese italiane nel nostro paese, il tasso di attivazione di scambi di investimento” ha aggiunto il ministro russo.

Non solo ma “ di necessità virtù” gli imprenditori italiani ai quali delle sanzioni contro la Russia non importa una cosiddetta “mazza” e delle quali ne hanno piene le tasche, visto che proprio delle loro tasche si tratta e visto che con la “politica”-  nonostante il perpetuarsi del teatrino di strette di mano – non si fa impresa ma solo “poveri discorsi”, si sono mossi per andare in Crimea a produrre vino con uve locali- alla facciaccia dell’Ucraina, degli USA e della UE.

Così come altri piccoli imprenditori italiani producono mozzarelle in Russia, molti altri ancora cercano di fare un qualche business costituendo partnership, joint venture, sottoscrivendo accordi, contratti di forniture e aprendo società giuridiche russe, senza considerare che in Russia ci sono già 100 imprese italiane che producono con 75 mila addetti, e ci sono altre 300 imprese italiane con presenza fissa e altre 400 quelle che fanno attività commerciale con ufficio e personale italiano.

E nel frattempo l’Italia supera la Francia e sale al quinto posto come fornitore della Russia.

E poi………………vediamo che fra gli obiettivi del programma dei 5 stelle l’Italia dovrebbe occupare un ruolo centrale nel Mediterraneo e dire “no” alle sanzioni alla Russia. Quindi per il Movimento 5 stelle basta sanzioni la Russia è partner strategico.

Per Berlusconi e Salvini è pacifico che le sanzioni contro la Russia siano la prima cosa da rimuovere perché la Russia è un partner strategico…….vedremo dopo il 4 marzo!!!!!

Ma il bello è che coloro che più hanno sostenuto le sanzioni contro la Russia risultano essere i maggiori “affaristi con la Russia”, tra i maggiori fornitori ci sono: al secondo posto la Germania e al terzo posto gli USA, seguono al quinto e sesto posto Italia e Francia, con al settimo posto il Giappone.

E di fatto i titoli di stato russi vengono acquistati dagli stranieri come il pane appena sfornato: gli investitori non temono nemmeno le misure di ritorsione americane.

I non residenti hanno ripreso ad investire nei titoli di stato russi dopo la pausa estiva scorsa, ha riferito la Banca di Russia (Banca Centrale Russa, ndr).  Mentre sale a 106 miliardi di dollari il debito USA nei confronti della Russia visto che lo scorso novembre la Russia ha aumentato gli investimenti nei buoni del Tesoro americano di 700 milioni di dollari, portando così i suoi crediti con gli Stati Uniti a 105,7 miliardi $. Come emerge nei documenti pubblicati dal Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti.

Allora di quali sanzioni stiamo parlando? Tutte le manovre messe in atto per affondare l’economia russa sono miseramente  e platealmente fallite……“O il Presidente Putin ha la bacchetta magica o è il più grande statista dal dopo guerra ad oggi”

www.facebook.com/stefano.bruschi.33671
www.linkedin.com/in/stefano-bruschi-12952140/
www.russiaaffari.blogspot.it
www.russiaaffari.myblog.it/

www.russiaaffari.blog


Russia e WTO: “Nel mondo moderno è impossibile il dominio di un Paese a livello politico ed economico. I tentativi di dominio sono la restaurazione del colonialismo. I tentativi di imporre le sanzioni rappresentano il ritorno della civiltà e dell’economia a 50 o 60 anni fa”

….non esistono ragioni per queste sanzioni, dal momento che la Russia non è una delle parti del conflitto armato nella parte orientale dell’Ucraina e all’interno del diritto internazionale ha provveduto alla riunificazione della Crimea, ora aperta agli investimenti stranieri,”

 “Nel mondo moderno è impossibile il dominio di un Paese a livello politico ed economico. I tentativi di dominio sono la restaurazione del colonialismo. I tentativi di imporre le sanzioni rappresentano il ritorno della civiltà e dell’economia a 50 o 60 anni fa”

 “E’ chiaro che nel contesto di globalismo, i mercati nazionali locali vengono schiacciati dalla forza delle multinazionali”, cosa che potrebbe portare alla distruzione delle economie di alcuni Paesi dopo l’adesione al WTO o alla UE, come nel caso della Moldavia, dei Paesi Baltici o della Grecia.

La Russia è uno dei nuovi arrivati al WTO, dal momento che nel 2017 sono passati solo 5 anni dal suo ingresso nell’organizzazione. Il deputato Gavrilov ha commentato i risultati di questo passo per l’economia russa, affermando che il Paese si trova ancora in un periodo transitorio di adattamento delle norme doganali e di rafforzamento di quei settori dell’economia che opereranno sempre più nell’agguerrita concorrenza dei mercati globali, in particolare a livello manifatturiero.

Gavrilov ha rilevato con rammarico che il WTO “non è in grado di garantire i diritti dei suoi membri in relazione al rafforzamento delle sanzioni di Stati Uniti, Canada, Australia ed Unione Europea contro la Russia.”

Secondo il deputato, le sanzioni limitano le capacità del Paese di sviluppare settori tecnologicamente avanzati, di esportare le risorse energetiche, di avere accesso ai mercati dei capitali e finanziamenti esteri, creando così ostacoli rilevanti per l’integrazione dell’economia russa nei processi globali.

Allo stesso tempo il deputato ha sottolineato che “l’economia della Russia resiste a queste sanzioni” e spera che “l’UE troverà la forza per muoversi verso la loro riduzione e cancellazione.”

“E’ chiaro che non esistono ragioni per queste sanzioni, dal momento che la Russia non è una delle parti del conflitto armato nella parte orientale dell’Ucraina e all’interno del diritto internazionale ha provveduto alla riunificazione della Crimea, ora aperta agli investimenti stranieri,” — ha evidenziato Gavrilov.

“Nel mondo moderno è impossibile il dominio di un Paese a livello politico ed economico. I tentativi di dominio sono la restaurazione del colonialismo. I tentativi di imporre le sanzioni rappresentano il ritorno della civiltà e dell’economia a 50 o 60 anni fa”, — ha aggiunto.

A titolo di esempio, il deputato ha citato la situazione in Siria ed in Libia. Secondo Gavrilov, questi Paesi sono diventati “vittime di aggressioni esterne” e il sostegno diretto o indiretto degli Stati Uniti all’opposizione armata ed ai terroristi ha causato la distruzione delle economie di questi Paesi, la povertà ed il flusso di milioni di immigrati in Europa. Pertanto ha sottolineato che “il conseguimento della parità nel commercio internazionale e il sostegno ai Paesi in via di sviluppo sono impensabili senza il rafforzamento del diritto internazionale”.

Riguardo il WTO, il deputato ha osservato che l’adesione all’organizzazione è proficua per gli Stati sviluppati dell’Europa e dell’America e svantaggiosa per i Paesi in via di sviluppo, perché “l’eliminazione di tutte le barriere soffoca lo sviluppo dell’industria in crescita”.   “E’ chiaro che nel contesto di globalismo, i mercati nazionali locali vengono schiacciati dalla forza delle multinazionali”, cosa che potrebbe portare alla distruzione delle economie di alcuni Paesi dopo l’adesione al WTO o alla UE, come nel caso della Moldavia, dei Paesi Baltici o della Grecia.

Il deputato ha richiamato l’attenzione sulla necessità di adottare misure per tutelare gli interessi nazionali: introdurre un periodo di transizione, concordare il mantenimento dei dazi doganali per i settori economici più dipendenti dalla concorrenza. “La Russia ha preso la giusta posizione, perché se avesse revocato tutte le restrizioni in seno al WTO, la sua economia sarebbe stata schiacciata dalle sanzioni”.

Ha ricordato l’esempio dell’Ucraina, dove il tentativo delle autorità di condurre un’analisi razionale delle conseguenze dell’associazione con la UE ha portato alla promozione del colpo di stato da parte degli stessi Paesi europei. Successivamente il nuovo governo ha rimosso tutte le barriere ed ora l’economia dell’Ucraina sta vivendo la crisi più acuta. Tutto questo ha portato “la disoccupazione di massa, l’emigrazione di manodopera, la paralisi del settore manifatturiero e dell’industria ad alta tecnologia”. “Di fatto l’Unione Europea non ha aiutato per niente”, ha aggiunto.

“Pertanto la leadership di qualsiasi Paese dovrebbe avere coraggio e difendere gli interessi della propria gente e dell’economia. (…) Non sono un fervente sostenitore del protezionismo. Occorre espandere il commercio e ridurre le barriere doganali, ma questo non dovrebbe portare alla distruzione delle economie nazionali, all’aumento della disoccupazione, alla povertà e all’aggravamento dei conflitti sociali, al terrorismo e all’estremismo. Il futuro della civiltà e del commercio mondiale è nella cooperazione equa, tenendo conto delle specificità dello sviluppo delle economie di ciascun Paese, non della distruzione delle economie nell’interesse delle multinazionali”, ha concluso Gavrilov.

Estratto da Sputnik Mundo in conversazione con il deputato della Duma Sergey Gavrilov, membro della conferenza parlamentare dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (WTO)

www.facebook.com/stefano.bruschi.33671

www.linkedin.com/in/stefano-bruschi-12952140/

www.russiaaffari.blogspot.it www.russiaaffari.myblog.it/

www.russiaaffari.blog

 


RUSSIA, MADE IN ITALY IN RIPRESA LA CREATIVITA’ BATTE LE SANZIONI – SONO ALMENO 300 LE IMPRESE ITALIANE CON PRESENZA FISSA, E ALTRE 400 CON PERSONALE ITALIANO CHE FANNO ATTIVITÀ COMMERCIALE.

RUSSIA, MADE IN ITALY IN RIPRESA LA CREATIVITA’ BATTE LE SANZIONI –  Luisa Barone e Vittorio Torrembini, ai vertici del Gruppo imprenditori italiani a Mosca: «Le opportunità ci sono. Bisogna saperle cogliere.

Abbiamo 100 imprese italiane che producono qui, con 75 mila addetti»  E SONO ALMENO 300 LE IMPRESE ITALIANE CON PRESENZA FISSA, E ALTRE 400  CON PERSONALE ITALIANO CHE FANNO ATTIVITÀ COMMERCIALE.

 Sì, a Mosca c’è ancora posto per fare impresa, per operare, per produrre e per imporsi sul mercato.

(estratto di un articolo di Fernando Mezzetti pubblicato sul mensile Economy)

La Russia, pur sotto sanzioni euroatlantiche per l’Ucraina, si rivela efficace stimolo per la creatività italiana:  in  questo caso applicata non alla produzione ma soprattutto al marketing in un ambiente appesantito da difficoltà estranee all’economia.

Dopo due anni disastrosi  per  le nostre esportazioni verso la Russia, il 2017 si chiude con un bilancio incoraggiante per  noi: ci si avvicina infatti  al recupero totale delle posizioni precedenti  le misure punitive adottate dall’Unione   Europea nella primavera 2014 contro Mosca. All’embargo decretato  dall’Europa  ha  corrisposto un contro embargo stabilito da Mosca per alcuni settori, in primis l’agroalimentare: gli scambi commerciali tra Russia e Europa ne sono stati sconvolti, con effetti diversi nei vari paesi dell’Unione .

Ma almeno per quanto ci riguarda, dopo il primo choc, i nostri operatori dalle  piccole  e  medie  imprese alle grandi hanno saputo affrontare le nuove situazioni, riuscendo a limitare gli effetti negativi delle tensioni politiche.

Sì, a Mosca c’è ancora posto per fare impresa, per opera re, per produrre e per imporsi sul mercato.

Gli italiani, presso i consumatori, sono favoriti soprattutto da un  fattore: l’enorme simpatia, per alcuni aspetti perfino amore, dei russi verso l’Italia, mai venuto meno anche nei momenti più aspri della guerra fredda.

La prova più evidente è nel traffico aereo: Aeroflot ha 3 voli al giorno Mosca-Mi­ lano e 3 Mosca-Roma. Altre compagnie low cost volano su altri  scali italiani , per un to­ tale  di  una  decina  di  voli al giorno  tra  Ita­ li a e Russia.

L’Italia è al secondo posto tra i partner commerciali della Russia, dopo la Germania, e al sesto posto tra gli esportatori europei verso la Russia.

Il nostro export nel 2014, quando l’effetto delle sanzioni non si era ancora pienamente  dispiegato,  è stato di 9.503 milioni di euro; nel  2015 è crolla­ to a 7.093 milioni; nel 2016, è precipitato a 6.720. il 2017 è l’anno della ripresa: nei soli primi sei mesi, da gennaio a giugno compre­ si, è arrivato a 4.557 milioni.

Nell’insieme, il nostro export è salito del 39%; ogni giorno esportiamo verso la Russia  per  20 milioni di euro. I settori in maggior recupero sono stati l’agro-alimentare, con un aumento del 39,9 %, chimico-farmaceutico, con 32,2 %, i mezzi di trasporto, con 53,5 %, e la moda, col 32,6 %.

Sono dati incoraggianti, ma che considerando altri Paesi lasciano vedere molte opportunità di crescita ancora da cogliere: l’export francese è salito del 57,2%, quello tedesco del 53,7″. Dicono Luisa Barone e Vittorio Torrembini, presidente e vice presi­dente del GIM, il Gruppo imprenditori italiani a Mosca, a cui aderiscono decine di piccole e medie imprese: «Lo slancio dell’export è dovuto in buona parte a fattori  contingenti in primo luogo la stabilizzazione del cambio del rublo, ottenuta con saggia politica monetaria, e non con fallaci atti d’imperio; gli importatori avevano esaurito le scorte;  e poi, la campagna di rinnovo di macchinari e impianti, promossa dalle direttive del Cremlino di produrre in casa invece che importa re.

«Non si può parlare solo di export per la presenza italiana», dicono Barone e Torrembini, «Bisogna considerare anche imprese italiane che producono per il mercato interno, non per esportare in Italia  e altrove, e quelle che sono venute qui come sub-fornitori, al seguito di grandi multinazionali con cui già operano in Italia. E’ il caso di Procter & Gamble, che ha voluto a San Pietroburgo lo  stesso fornitore che  ha  in Italia.

Abbiamo 100 imprese italiane che svolgono attività produttiva in Russia, con 75 mila di­ pendenti e un fatturato di 8 miliardi di euro. A parte queste, sono almeno 300 le imprese italiane con presenza fissa, e altre 400 con ufficio e personale italiano che svolgono attività commerciale.

Le opportunità  ci sono. Bisogna saperle cogliere».

Considerando l’Unione doganale fra la Russia e le  ex  repubbliche sovietiche del centro  Asia,  Mosca è anche un punto di ingresso  in  mercati più ampi.

www.facebook.com/stefano.bruschi.33671
www.linkedin.com/in/stefano-bruschi-12952140/
www.russiaaffari.blogspot.it
www.russiaaffari.myblog.it/

www.russiaaffari.blog


Sanzioni, Business, Interessi: il balletto dell’ipocrisia europea.

 Il volume delle esportazioni dall’UE alla Russia è diminuito di 30 miliardi di euro dopo l’introduzione delle sanzioni. Ne parla il quotidiano tedesco Die Welt.

Secondo un’indagine commissionata dal Parlamento europeo all’istituto austriaco Wifo, specializzato nella ricerca economica, le sanzioni europee contro la Russia sono costate all’Unione Europea 30 miliardi di euro.

“Il fardello più pesante — 11,1 miliardi di euro in negativo — grava sulle spalle della Germania. Tocca poi a Polonia, Gran Bretagna e Francia”, afferma la pubblicazione.

La situazione cambia se si considerano le percentuali sul totale delle esportazioni europee. Per esempio, Cipro ha perso un terzo delle sue esportazioni verso la Russia. Le sanzioni hanno altresì danneggiato la Grecia (meno 23%) e la Croazia (21%). La Germania ha ridotto le sue esportazioni del 13,4% rispetto al livello pre-sanzioni.

“Questi risultati sorprendono anche perché l’idea di mettere in difficoltà la Russia con l’aiuto delle sanzioni sembra non aver funzionato. Dopo qualche problema all’inizio, l’economia russa si sta riprendendo. Bloomberg stima che quest’anno e l’anno prossimo l’economia può crescere dell’1,7%”, sottolinea l’articolo.

La pubblicazione spiega che, in generale,la Russia ha notevolmente ridotto la sua dipendenza dall’Occidente. La Banca centrale russa, piuttosto che fare affidamento esclusivamente sul dollaro, ha iniziato a comprare anche l’oro.

Molto presto il paese potrà tornare nella lista degli stati con una valutazione positiva degli investimenti.

“Mosca riceverà presto un rating positivo: è solo una questione di tempo… Gli investitori sono già pronti a prestare denaro alla Russia. In estate, quando la relazione tra Mosca e Washington hanno toccato il fondo, Mosca si è assicurata 3 miliardi di dollari sui mercati finanziari”, rileva la pubblicazione, notando che nei mercati finanziari le sanzioni è come se non esistessero.

il presidente russo Vladimir Putin il 12 ottobre a Sochi incontrerà la comunità imprenditoriale della Germania, tra cui i rappresentanti di Siemens e Nord Stream. Lo ha reso noto l’assistente del presidente Yuri Ushakov.

“Il 12 ottobre a Sochi si terrà una riunione molto importante del nostro Presidente con i rappresentanti dei circoli d’affari tedeschi. Questo incontro è stato organizzato su iniziativa della Commissione economico orientale tedesco. Il presidente terrà anzitutto un discorso di apertura, seguirà quindi una discussione aperta”, ha detto Ushakov.

Egli ha aggiunto che alla riunione prenderanno parte venti rappresentanti delle grandi imprese tedesche presenti sul mercato russo, tra cui Linde, Bauer, Knauf, Siemens, Metro, Schaeffler, Wolffkran e Nord Stream.

Secondo Ushakov, la maggior parte della riunione sarà presieduta dai presidenti dei consigli d’amministrazione delle società tedesche. Siemens sarà rappresentato da Klaus Helmrich, membro del consiglio d’amministrazione.

Nel contempo poi  Mosca sta preparando una riunione dei ministri dell’Economia russa e francese, che si terrà a dicembre in Russia.

Lo ha detto ai giornalisti il vice ministro degli Esteri Aleksey Meshkov.  “A metà dicembre — ha spiegato — si terrà il cosiddetto CEFIC (consiglio russo-francese per questioni economiche, finanziarie, industriali e commerciali): questa è la nostra istituzione intergovernativa. Da parte nostra ci saranno il ministro dello Sviluppo Economico Maxim Oreshkin e il ministro dell’Economia”.

E ancora nonostante la deviazione del gasdotto per aggirare le acque danesi…… come affermato dal  direttore tecnico della società di costruzioni “Nord Stream 2 AG” Sergey Serdyukov ha parlato di un percorso alternativo per la costruzione del gasdotto. Lo segnala il giornale economico russo Vedomosti.

Il nuovo percorso aggirerà la Danimarca, in quanto le autorità danesi sono intenzionate a vietare la costruzione dell’infrastruttura nelle loro acque territoriali. Serdyukov ha affermato che il nuovo percorso del gasdotto non cambia praticamente la lunghezza del progetto originale. “La distanza non importa. Su una lunghezza complessiva di 1.200 chilometri, a chi può interessare una deviazione di qualche chilometro?”

Inoltre il direttore di Nord Stream 2 AG ha dichiarato che i principali appaltatori per la costruzione di Nord Stream 2 sono sicuri di partecipare al progetto, nonostante le sanzioni statunitensi imposte ad agosto.

A settembre il governo danese aveva proposto un decreto per bloccare la costruzione di Nord Stream-2 nel proprio territorio “per motivi di sicurezza e di opportunità di politica estera”.

“Nord Stream-2” è un gasdotto che unirà la Russia e la Germania passando sotto il Mar Baltico. Contro la sua attuazione si sono schierati alcuni Paesi dell’Europa orientale, l’Ucraina e gli Stati Uniti.

Ndr. Forse data l’ipocrisia generale non sarebbe meglio uscire “ufficialmente” dalle sanzioni USA contro la Russia visto che nessuno le vuole e che del “partner Russia” non se ne può fare a meno…. pena l’impoverimento di tutta l’Europa?

(estratto da alcuni articoli di Sputnik)

www.facebook.com/stefano.bruschi.33671
www.linkedin.com/in/stefano-bruschi-12952140/
www.russiaaffari.blogspot.it
www.russiaaffari.myblog.it/


L’economia russa si è adattata alle sanzioni degli Stati Uniti e il sistema finanziario russo non ne subisce l’impatto

L’economia russa si è adattata alle sanzioni degli Stati Uniti e il sistema finanziario russo non ne subisce l’impatto, lo dice l’analista capo della società di rating russa ACRA Natalia Porokhova.

 “Le sanzioni contro l’economia russa sono in vigore da ormai 3 anni e ogni nuova espansione di queste misure impatta sempre di meno la stabilità finanziaria dell’economia russa, in quanto c’è stato un adattamento sostanziale alle sanzioni”, — ha dichiarato la Porokhova a RIA Novosti.

Inoltre l’analista ha osservato che “le nuove misure e sanzioni possono seriamente complicare la realizzazione di progetti in Europa, per questo motivo l’Unione Europea si è opposta all’appesantimento delle sanzioni contro il settore energetico russo e proprio oggi si svolgerà una riunione ad hoc su questo tema a Bruxelles.”

 Ma il presidente della Commissione europea annuncia che l’Unione europea è pronta a “agire in modo appropriato” se i suoi interessi non verranno sufficientemente presi in considerazione nella nuova legge statunitense sulle sanzioni anti-Russia. I

l presidente della Commissione UE, Jean-Claude Juncker: Il disegno di legge americano — ha sottolineato Juncker — potrebbe avere effetti collaterali unilaterali imprevisti, che influenzano gli interessi della sicurezza energetica UE e per questo motivo la Commissione ha concluso che se le nostre preoccupazioni non verranno prese sufficientemente in considerazione, siamo pronti ad agire in modo appropriato entro pochi giorni. America first — ha concluso — non vuol dire che gli interessi dell’Europa arrivino per ultimi. La Commissione continuerà a seguire da vicino il processo legislativo in corso negli Stati Uniti e la successiva attuazione del disegno di legge e agirà rapidamente se e quando necessario”…

 Anche la Germania in disaccordo: l’obiettivo delle misure punitive contro Mosca non dovrebbe essere l’industria europea, ha dichiarato in una conferenza stampa la vice portavoce del governo tedesco Ulrike Demmer. “Crediamo che lo scopo delle sanzioni degli Stati Uniti non debba essere l’industria europea…. — ha detto la Demmer.

 E i nemici del progetto “Nord Stream-2” ritengono che le nuove sanzioni di Washington contro Mosca siano controproducenti, scrive il Washington Post: “Con la politica contro “Nord Stream-2″ stanno facendo più nemici di quanti ne hanno bisogno, — ha dichiarato al Washington Post George Zachmann, esperto di energia del centro belga Bruegel. — Infatti se non uccideranno il progetto lo rafforzeranno solo.”

 Mentre i “ politicanti italiani “ ( compreso le associazioni che dovrebbero rappresentare le imprese ) non si esprimono, nonostante sia ormai accertato che gli stessi italiani ( popolo ) non siano d’accordo sulle sanzioni alla Russia e molti rappresentati di vari consigli regionali si siano espressi pubblicamente in tal senso………certamente il business dell’immigrazione è più importante degli interessi delle PMI italiane visto che anche le “sciagure” contribuiscono a “manipolare” il PIL e a foraggiare tutte le “bande di Arruffoni” inetti e insaziabili, dediti ad imbrogliarsi a vicenda, corrotti e corruttori al tempo stesso che spadroneggiano nel panorama italiano.

 Fortunatamente vi sono ancora moltissimi imprenditori seri che ritengono la Russia un partner strategico e una grande opportunità per i loro affari e si muovono verso questo enorme mercato per allacciare rapporti e intraprendono azioni manifestatamente contrarie alle politiche scellerate del governo italiano: e questo dovrebbe essere direttamente proporzionale alla rielezione di quei politici e partiti che hanno aderito e aderiscono supinamente a scelte imposte dagli interessi di economie lobbistiche d’oltreoceano, ed evidentemente anche interessi personali.

 Ma nonostante tutto l’economia della Federazione Russa, secondo le previsioni, si sta ben assestando — afferma nel documento, il cui testo è stato pubblicato sul sito del FMI: le previsioni per la crescita del PIL in Russia sono ancora in crescita: +1,4% nel 2017 e nel 2018. Inoltre in Russia e in alcuni Paesi emergenti l’inflazione è prevista in calo.

 https://www.facebook.com/stefano.bruschi.33671

www.mercatorusso.org

www.consultpartners.org


Un’autorevole voce “ fuori dal coro” a proposito di Russia: L’ambasciatore italiano a Mosca Ragaglini. (di Paolo Valentino)

Un’autorevole voce “ fuori dal coro” a proposito di Russia: L’ambasciatore italiano a Mosca Ragaglini. (di Paolo Valentino)

 «Penso che il presidente Putin veda nell’Europa un partner naturale. La cosa che lui e i russi si aspettano dalla comunità internazionale è il rispetto. Non è solo una questione sentimentale. In realtà racchiude una parabola. Dopo l’implosione dell’Urss, la Russia si è trovata sull’orlo del

fallimento, depredata delle sue risorse, destabilizzata, indebolita militarmente, privata del suo status di grande potenza, dominata da un senso generale di insicurezza. Putin ha risollevato il Paese e dopo la crisi ucraina, vissuta come l’ultima umiliazione, ha tracciato una linea rossa».

 Cesare Ragaglini è uno dei migliori diplomatici italiani. Sessantaquattro anni, laureato in Scienze politiche alla Cesare Alfieri a Firenze, in carriera dal 1978, è stato consigliere diplomatico a Palazzo Chigi, sherpa per il G8 e rappresentante permanente alle Nazioni Unite. Dal 2013 è il nostro ambasciatore a Mosca, incarico che lascerà alla fine di quest’anno.

«Intanto la Crimea non era il primo Paese che votava per la sua indipendenza in Europa. Ma occorre fare un passo indietro. Nessuno discute il diritto di un Paese sovrano di aderire o associarsi a una organizzazione internazionale, ma non c’è dubbio che il negoziato della Ue con l’Ucraina aveva forti motivazioni politiche: era evidente il tentativo di sottrarre Kiev all’influenza storica della Russia. Se questo era l’obiettivo, l’Ue ha fallito. Non bisognava sottovalutare i legami storici, economici e familiari tra Mosca e Kiev. Averlo fatto è stato un grave errore».

Le sanzioni erano evitabili? «Mi limito a notare che storicamente le sanzioni difficilmente raggiungono l’obiettivo per il quale vengono imposte, in questo caso costringere Mosca a cambiare atteggiamento. Anzi, spesso come conseguenza la popolazione si stringe intorno al potere dominante. È successo anche in Russia».

 Come si esce dalla crisi ucraina?

«Non è possibile pensare che l’Ucraina entri nella Nato, che poi è il punto focale. Se risolviamo questo problema, risolveremo tutto il resto. Piaccia o meno, è così. L’Ucraina può essere un Paese ponte tra Occidente e Russia, lo dice anche Henry Kissinger».

 Ma è pensabile mettere sul piatto la fine delle sanzioni?

«Oggi l’Europa è un po’ prigioniera, gli accordi di Minsk sono l’unico terreno su cui ci si muove, le situazioni sul terreno restano ambigue. Credo che l’Europa potrebbe dare segnali chiari a entrambe le parti che lo stallo non è più accettabile: per esempio dovremmo valutare un rinnovo trimestrale invece che semestrale delle sanzioni. Ma il nodo di fondo, ripeto, rimane la Nato».

 La Russia ha intenzioni aggressive in Europa orientale, come denunciano i Paesi baltici e la Polonia?

«Ogni Paese ha diverse percezioni della propria sicurezza, che spesso hanno un fondamento. Ma l’analisi deve essere realistica. La Russia ha una spesa militare dieci volte inferiore a quella degli Stati Uniti. Il Cremlino riconosce che i Paesi baltici sono cosa diversa dall’Ucraina, dà per scontata la loro appartenenza alla Nato. Non credo abbia interesse a minacciarne la sicurezza. Certo Mosca è diventata più assertiva negli ultimi anni, anche per uscire dall’isolamento. Ha smentito chi l’aveva definita una potenza regionale, diventando protagonista ineludibile nell’intero Medio Oriente e partner fondamentale nella lotta al terrorismo».

 E l’Italia?

«L’Italia ha sempre sostenuto che una politica di isolamento internazionale della Russia sarebbe stata contro-producente. È una linea che abbiamo tenuto, pur rispettando e applicando tutte le decisioni prese insieme agli alleati nella Nato o la Ue. Il nostro canale con Mosca è sempre rimasto aperto anche ai massimi livelli, come dimostrano vertici e visite».

 Cosa pensa dell’accusa ai russi di voler destabilizzare le elezioni nei Paesi occidentali attraverso la pirateria informatica?

«Mi sembra una sorpresa che un Paese fin qui considerato con capacità tecnologiche limitate possa improvvisamente influenzare i processi elettorali in Occidente. Non ho elementi per dire se questo sia accaduto o meno».

 Quanto è stabile il potere di Vladimir Putin?

«Sondaggi attendibili danno un alto livello di consenso popolare per Putin e questo è dovuto al fatto di aver ridato ai russi stabilità, ordine, benessere e soprattutto orgoglio patriottico. I russi non vogliono rimpiombare nel caos e nell’insicurezza degli anni Novanta».

 https://www.facebook.com/stefano.bruschi.33671


Unione Europea chiude la stalla dopo che i buoi sono scappati: le sanzioni alla Russia sono un danno inestimabile in particolare per le piccole imprese. E la Russia cresce nonostante tutto.

 

Secondo il Financial Times, Bruxelles intende esigere da Washington “una dichiarazione pubblica o scritta” secondo cui le nuove sanzioni ( contro la Russia ) non toccheranno gli interessi europei. Il presidente della Commissione Europea Jean-Claude Juncker ha chiesto di discutere con urgenza la possibile risposta di Bruxelles in caso di introduzione di nuove sanzioni degli Stati Uniti contro la Russia, scrive il Financial Times.
Un’altra opzione menzionata nel documento della Commissione Europea suggerisce l’opportunità di non riconoscere valide le sanzioni americane nel territorio della UE.

Mentre  nel rapporto “World Economic Outlook” (“Prospettive di sviluppo dell’economia mondiale”) il Fondo Monetario Internazionale ha confermato la tendenza alla ripresa dell’economia russa.

Le previsioni per la crescita del PIL in Russia sono rimaste invariate rispetto a quelle dello scorso aprile: +1,4% nel 2017 e nel 2018. Inoltre in Russia e in alcuni Paesi emergenti l’inflazione è prevista in calo.

In generale gli autori del rapporto rilevano la crescita del ritmo della ripresa economica e della produzione nel mondo.

Secondo le previsioni del FMI, il PIL mondiale nel 2017 crescerà del 3,5% nel 2018 del 3,6%.

https://www.facebook.com/stefano.bruschi.33671                 http://www.mercatorusso.org      
http://www.consultpartners.org


…e il business prosegue….…gli affari sono affari e della Russia nessuno ne può fare a meno.

  • Entro l’anno BP British Petroleum e Rosneft chiuderanno l’accordo per fornitura di gas russo: British Petroleum (BP) e la russa Rosneft firmeranno un accordo sulle consegne del gas dalla Federazione Russa all’Europa con volumi di fornitura annuale fino a 20 miliardi di metri cubi. Lo ha annunciato il direttore generale di British Petroleum Robert Dudley. “L’accordo ci sarà quest’anno: il volume di approvvigionamento è impostato fino a 20 miliardi di metri cubi……… ha dichiarato a margine del World Petroleum Congress a Istanbul.

 

  • MERCEDES BENZ APRE UNA NUOVA FABBRICA IN RUSSIA: La cerimonia della posa della prima pietra delle fondamenta della fabbrica Mercedes-Benz nel parco industriale “Esilovo”, nel quartiere Solnechnogorsk della regione di Mosca. L’impianto della Daimler verrà avviato già nel 2019, con una capacità produttiva di più di 20.000 automobili di quattro modelli diversi. La compagnia è già passata da tempo alla produzione locale in Russia
  • Le sanzioni non hanno provocato degli effetti negativi sui contratti di Rosoboronexport: I contratti dell’agenzia statale Rosoboronexport non hanno avuto effetti negativi a causa delle sanzioni occidentali. Lo ha detto ai giornalisti il direttore generale, Alexander Mikheev, durante il salone internazionale dell’aviazione e dello spazio MAKS.
  • E al Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo (SPIEF-2017): In 3 giorni sono stati concordati e firmati 386 memorandum, accordi e contratti relativi alla collaborazione in diversi settori economici, per un totale di 2.000 mld di rubli, ovvero oltre 31 mld di euro.
  • Ma anche: La russa Rosneft e l’italiana Eni inizieranno le trivellazioni congiunte nel mar Nero durante la seconda metà dell’estate. Lo ha riferito il capo di Rosneft, Igor Sechin.
  • Mentre alla passata conferenza stampa di Paolo Gentiloni e Vladimir Putin a Sochi, Gentiloni ha definito “proficue” e “ottime” le relazioni che intercorrono tra Roma e Mosca, notando negli ultimi mesi una significativa crescita nelle relazioni economico-commerciali tra i due paesi.
  • E poi: I Russi ritornano a fare i turisti in Europa, grazie al rafforzamento del rublo e al mercato interno più stabile.Grazie al rublo diventato più forte e stabile che in passato i turisti russi hanno ripreso a viaggiare verso i Paesi europei, scrive Die Welt.
  • E Il Parlamento tedesco aveva già sostenuto che il progetto infrastrutturale “Nord Stream-2”, la costruzione della parte sottomarina del gasdotto, non debba essere soggetta alle normative dell’Unione Europea, ha riferito il presidente della commissione su Economia e Energia Peter Ramsauer (Csu).
  • E comunque: Circa 500 aziende italiane che lavorano in Russia hanno mantenuto una presenza nel paese nonostante le sanzioni Ue contro la Russia. È quanto si legge in una nota presidenziale dopo la visita del presidente Sergio Mattarella nella quale si aggiunge che la cooperazione continua sia nell’industria sia nel settore della ricerca e sviluppo.
  • Certo è che la Russia è la Nazione meno indebitata al mondo ( meno del 20% sul PIL in diminuzione – gli Stati Uniti detengono il più alto livello di debito mentre l’Italia è sesta)
  • E poi la Russia è diventata una calamita per gli investimenti. Le statistiche dimostrano una significativa crescita dell’interesse degli investitori stranieri verso la Russia. Lo riporta Forbes in un articolo di Kenneth Rapoza. Secondo una ricerca dell’istituto americano Emerging Portfolio Fund Research Global sulla situazione annuale del capitale, a gennaio 2017 la Russia ha sorpassato gli altri mercati emergenti per volume di investimenti, piazzandosi davanti a Cina, India, Brasile e Messico.
  • ….e molto altro ancora.

https://www.facebook.com/stefano.bruschi.33671


Come valutare un partner affidabile per il mercato russo: i primi consigli utili.

  • Verificare che sia un’entità giuridica russa, società presente da alcuni anni con una propria sede in Russia, che operi direttamente sul posto e che non sia un riferimento di un “cosiddetto partner”, socio o altro interlocutore indiretto.
  • Diffidare quindi di chi non opera direttamente e in proprio dalla Russia, con un proprio ufficio e struttura,  e di chi dice di farlo tramite partner o altri collegamenti sul posto.
  • Diffidare di chi espone solo telefoni cellulari sia italiani che russi. ( i cellulari russi iniziano per (+7 prefisso per la Russia )  e  poi (9…)  Esporre numeri di cellulari e non fissi denotano mancanza di struttura e riferimenti aziendali, ovvero chi opera da casa  e/o da distanza senza una propria organizzazione e senza alcuna responsabilità.
  • Non affidarsi a singoli elementi senza storia e senza sede ufficiale oppure a semplici siti internet che non servono a fare mercato.  Non affidarsi ad improbabili  “agenti” figure che in Russia non esistono con le stesse connotazioni italiane.
  • Verificare che vi accolgano in Russia presso la propria sede ben identificata  e non presso business center affittati all’occasione o in hotel.
  • E’ importante che come primo approccio chiunque si relazioni con voi  faccia  un sopralluogo presso la vostra sede in Italia per vedere chi siete e cosa proponete e risponda ad ogni vostra domanda esaustivamente: non si trattano queste collaborazioni a distanza.
  • Diffidate di chi vi propone liste di clienti, nominativi e data base,  di chi  ricerca clienti a distanza anche dal vostro ufficio, di chi vi dice di potervi trovare clienti lavorando a distanza e non è sul posto anche se parla russo.
  • Diffidate di chi dice di avere clienti pronti per voi e per il vostro prodotto, di chi vi propone vendite  o fare mercato via internet in Russia, di chi vanta amicizie e alte conoscenze, di chi vi propone transazioni in nero o trasporti e sdoganamenti non ufficiali, di chi vi propone la possibilità di pagarvi per contante.
  • Diffidate di chi NON espone referenze bancarie e di aziende per le quali ha lavorato e diffidate di chi non può essere verificato con una immediata telefonata.

Voi siete un imprenditore e dovete esigere che chi vi incontra sia un interlocutore adeguato, quindi un amministratore o un professionista referenziato che si impegni con la propria responsabilità: diffidate quindi di chi propone un servizio di questo genere e altri servizi per il mercato russo ed è un agente o un semplice venditore che salta da un posto ad un altro e che non può rappresentare effettivamente il vostro potenziale partner in Russia.

Ma diffidate sempre di chi propone servizi a basso costo, troppo basso da apparire molto convenienti ma che sarebbero poi poco reali: fare mercato in Russia a costo zero non è possibile e ad un costo non adeguato sarebbe comunque una “fregatura”.


Internazionalizzazione in Russia delle piccole e micro imprese italiane.

L’area  di  riferimento:

La Federazione Russa è l’entità statale più vasta al mondo, più i Paesi membri CSI: Armenia – Azerbaigian – Bielorussia – Kazakistan- Kirghistan – Moldavia –  Tagikistan – Uzbekistan – Turkmenistan. Una tra le più vaste aree di mercato, in pieno sviluppo, al mondo. Un’area di mercato attaccata all’Europa e molto vicina all’Italia.

Una tra le più vaste aree di mercato, in pieno sviluppo, al mondo.  Un’area di mercato in continuo sviluppo per i prossimi 30 anni per vendere, dislocare, attivare un proprio ufficio, investire. 

Un mercato ricettivo con tassazioni minime e start up veloci.

La più vasta area di mercato con altissimo margine di successo per le piccole imprese. 

La più importante opportunità di sviluppo per i fatturati delle piccole  imprese italiane.

Un’area d’investimento sicura e redditizia anche per  piccoli investitori privati.

Una zona molto vicina all’Europa e all’Italia con particolare attrazione per il Made in Italy, per l’Italia e con grande affinità verso gli italiani.

Un’area molto conveniente dove dislocare le produzione e aprire una propria attività e fare affari.


La Russia: non solo un mercato per vendere ma anche per dislocare la propria produzione, per investire, per attivare un proprio ufficio o un’attività commerciale.

Mosca sosterrà lo sviluppo delle relazioni con l’Italia……. Lo ha dichiarato  il portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.”Qualunque sarà la situazione politica in Italia la Russia continuerà a sostenere lo sviluppo dei reciproci legami in tutti i campi”, ha detto la Zakharova.

Questa dichiarazione e le altre manifestazioni di amicizia da parte del Presidente Putin verso l’Italia ci confermano che nonostante la scellerata scelta politica delle sanzioni contro la Russia i vincoli e le affinità dei russi con gli italiani non si sono mai interrotti.

Molte le aziende italiane che durante questo periodo di crisi politica, non certo voluta dalla Russia, hanno attivato o rinnovato rapporti commerciali con il mercato russo, ma non solo, varie sono le imprese italiane che hanno costituito nel mercato russo una loro entità giuridica per operare direttamente da questo territorio.

Le opportunità che l’area Russa offre agli imprenditori e agli investitori italiani sono molteplici e la regione di Mosca ha allettato più volte le imprese italiane ad attivare loro produzioni in loco, con varie e vaste agevolazioni.

Non solo quindi un mercato per vendere ma anche per investire, per aprire e attivare proprie strutture produttive, aprire filiali e operare direttamente sul posto con notevoli vantaggi fiscali rispetto all’operatività casalinga:

….Quanto vale la pressione fiscale in Russia per chi fa impresa? 

( da una intervista di Sputinik )  …Attualmente è molto bassa, probabilmente la più bassa tra gli Stati membri dell’OCSE. Inoltre il rapporto verso gli imprenditori stranieri è persino migliore e più gentile che nei confronti degli stessi cittadini russi… ed è comprensibile: la Russia ha bisogno di modernizzazione, la quale non è possibile senza investimenti nei settori dell’industria e dei servizi…..

In Russia tassazioni più che eque e buone rendite sui capitali, anche minimi, unitamente ad una snella burocrazia nel costituire ed attivare nuove società, rendono molto appetibile il collocarsi in questa area non solo per le medie e grandi imprese ma anche per molte piccole imprese italiane con un know-how produttivo consolidato nei più disparati settori.

In Russia la costituzione di una società non richiede più di sette giorni lavorativi, il capitale sociale minimo previsto è molto più “abbordabile” di quello richiesto in Italia e le formalità e costi notarili molto snelli e poco costosi.

Le possibilità di partnership sono elevate in particolare per aziende affini per settore o prodotto,  e le probabilità di successo commerciale di una produzione sul territorio sono elevatissime in particolare se sono di alto apporto tecnologico.

Oggi la Russia si propone come l’area più ricettiva per  l’imprenditoria europea e in particolare per quella italiana da sempre vista con estremo interesse data la creatività e l’inventiva delle aziende italiane che offrono produzioni di qualità e tecnologie spesso all’avanguardia, inoltre vi sono affinità con gli italiani che non si riscontrano con altri Paesi, mentre la vicinanza fra le due aree ( circa 3 ore di volo ) e l’attrattività turistica dell’Italia, meta ambita dai russi di ogni ceto sociale, dimostrano che il rapporto fra i due Popoli sono privilegiati, come ha più volte dichiarato il Presidente Putin.

www.mercatorusso.org        www.consultpartners.org


Mercato russo? Forse si dovrebbe parlare di Mercato dell’Area Russa. Una grande opportunità per le piccole italiane.

Parliamo delle potenzialità del mercato russo, ma cosa si intende esattamente con  mercato russo? La Federazione Russa è già di per sé l’entità statale più vasta al mondo e, territorialmente considerata, rappresenta il mercato più esteso.

Ma non finisce qua. Il mercato d’influenza russa infatti va ben oltre la Federazione, coinvolgendo le aree CSI che attualmente sono Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Kazakistan, Moldavia, Tagikistan, Uzbekistan e, come associato, Turkmenistan. Insomma un bacino enorme. Per questo forse sarebbe più corretto parlare di Mercato dell’Area Russa!

 Quest’area si è aperta completamente al mercato internazionale da poco più di 15 anni, entrando gradualmente nella cosiddetta economia di mercato. È stata una grossa boccata d’ossigeno per il mercato mondiale, in particolar modo per le nazioni dell’UE. La Russia, infatti, ricca di materie prime, ma povera d’industria di trasformazione e di prodotti tecnologici offre moltissime opportunità sia come mercato di approvvigionamento che come mercato di consumo.

 Nei primi anni 2000 si è registrato un boom dell’edilizia e del commercio. Questo sviluppo ha messo in risalto un mercato che aveva necessità di tutto ed è stato di fatto la fortuna unica e incondizionata di moltissime imprese, tra le prime quelle italiane.

Dai prodotti per l’edilizia, macchinari, impianti, all’abbigliamento e successivamente prodotti alimentari, alta moda, tecnologie elettriche ed elettroniche, fino ad arrivare a cibo e prodotti per gli animali da compagnia: queste sono state le richieste del mercato. 

Nelle aree più industrializzate e ricche il Made in Italy è indubbiamente il prediletto. 

 Nel corso degli anni il mercato russo si è evoluto diventando competente ed esperto in molti settori. I Russi più benestanti hanno dato un notevole impulso anche al turismo internazionale. Sono stati per esempio tra i maggiori frequentatori di aree storiche e turistiche italiane, acquisendo così consapevolezza estetica e capacità di confronto con realtà e abitudini di consumo diverse.

La Russia si è di molto modernizzata; attualmente sono presenti tutte le più grandi catene di distribuzione, moltissimi grandi centri commerciali (e un gran numero in costruzione). Questo costante sviluppo edilizio interessa ogni area cittadina e in gran parte anche aree rurali. Il ceto medio ha considerevolmente aumentato le proprie capacità d’acquisto grazie al credito bancario più agevole.

Oggi il mercato russo, più evoluto e oculato, resta un mercato importante da presidiare. 

Un mercato attrattivo per le molte opportunità che offre alle imprese.

Le piccole e le microimprese italiane, soprattutto, dovrebbero sfruttare al massimo la “simpatia” dei Russi per l’Italia e i suoi prodotti Made in Italy.

Le nostre PMI sono consapevoli dell’opportunità che il mercato russo offre loro, ma al tempo stesso sono frenate da alcuni preconcetti come la scarsa conoscenza della realtà di questo mercato, l’approccio culturale e linguistico, la mancanza di supporti economici di cui realmente possano usufruire in prima persona e le molte proposte di assistenza e consulenza per questa area di mercato il più delle volte non adeguate.

Le piccole aziende italiane dovrebbero essere consapevoli del fatto che il mercato dell’area russa va presidiato in maniera strategica e con un approccio e un supporto adeguato in relazione alle modalità operative, alla lingua e alle caratteristiche territoriali. 


Cerca con una parola

Archivi

Categorie