Bielorussia un gioiello incastonato nell’europa orientale.

Bielorussia: “sviluppo molto elevato”, indice di sviluppo umano dell'ONU. Sistema sanitario efficiente, ha un tasso di mortalità infantile molto basso e il 99% alfabetizzazione.

Bielorussia un gioiello incastonato nell’europa orientale.

Bielorussia: “sviluppo molto elevato”, indice di sviluppo umano dell’ONU.

Sistema sanitario efficiente, ha un tasso di mortalità infantile molto basso e il 99% alfabetizzazione.

Bielorussi ospitali e “su di tono” – Infrastrutture, architettura e grande senso civico.

Effettuare brogli elettorali sull’80% dei voti è irreale.

Chi manifesta pacificamente non merita alcuna repressione.

Massima attenzione ai “provocatori di mestiere” e sobillatori di rivolte.

La Bielorussia indipendente dal 1991, è una repubblica presidenziale, governata da un presidente, dal 1994 Aljaksandr Lukašėnka  e dall’Assemblea nazionale, il parlamento.

L’Assemblea Nazionale è un parlamento bicamerale e comprende i 110 membri della Camera dei Rappresentanti (camera bassa) e i 64 membri del Consiglio della Repubblica (camera alta).

La Camera dei Rappresentanti ha il potere di nominare il primo ministro, di apportare modifiche alla costituzione e di promuovere un voto di fiducia nei confronti del primo ministro, inoltre svolge funzioni consultive, predisponendo pareri in materia di politica interna ed estera.

Il Consiglio della Repubblica ha il potere di scegliere i vari funzionari di governo e di approvare o respingere le leggi varate dalla Camera dei Rappresentanti.

Ogni camera ha la facoltà di opporsi alle leggi redatte dalle autorità locali, se contrarie alla costituzione bielorussa.

Totale popolazione circa 9.500.000. Nella capitale Minsk ci sono poco più di 2 milioni di abitanti.  Oltre la capitale ci sono 23 città principali che superano i  50.000 abitanti. L`economia della Bielorussia è molto sviluppata. Lo sviluppo economico del paese è in discreto aumento, anche grazie all’industrializzazione nei campi della meccanica, della chimica e del settore tessile.

Nel 2018, la Bielorussia si è classificata al 53° posto su 189 Paesi dell’Indice di sviluppo umano dell’ONU ed è nel gruppo di Stati con “sviluppo molto elevato”.

Con un sistema sanitario efficiente, ha un tasso di mortalità infantile molto basso di 2,9 (rispetto a 6,6 in Russia o 3,7 nel Regno Unito).  Il tasso di medici pro capite è di 40,7 per 10.000 abitanti (26,7 in Romania, 32 in Finlandia, 41,9 in Svezia) e il tasso di alfabetizzazione è stimato al 99%.

Di fatto:

chi arriva in Bielorussia nota immediatamente la cordialità delle persone, la loro disponibilità, la predisposizione al dialogo e lo spirito collaborativo.  I bielorussi sono ospitali e di primo impatto danno l’impressione di essere su di “tono”.

Il territorio è ben curato, tutto è pulito e tenuto molto bene, il senso civico delle persone è molto alto e l’aspetto della gente ben curato e spesso elegante, anche nelle aree rurali si incontrano “belle persone” che sembra amino il loro lavoro  e  in qualche modo lo esprimono con “strane opere architettoniche”  rurali che si notano  nelle aree coltivate viaggiando in auto.

La Bielorussia è di fatto una perla tra le piccole repubbliche dell’area orientale europea, ancorché altre aree siano comunque ben tenute e ospitali.

Considerazioni personali:

durante i mie frequenti spostamenti in e attraverso la Bielorussia, nelle varie città, ho sempre ammirato queste caratteristiche, sia territoriali che caratteriali, e per me è sempre stato un grande piacere sostare e/o passare in quel territorio che, oltre a soddisfare il senso estetico offre anche la sensazione di pace e tranquillità.

Chi guida, in gran parte, rispetta le regole, la segnaletica stradale è ottima, e sembra non ci sia una volontà repressiva  da parte della polizia stradale ma solo prevenzione.

Gli autovelox sono  sempre ampiamente e  immediatamente segnalati e ben visibili (prevenzione e non repressione), e mi è capitato di prendere alcune multe per la velocità di poco superiore al consentito, che mi sono state contestate con il sorriso e la massima gentilezza ( quasi scusandosi) da parte della polizia.

Negli hotel  professionalità e gentilezza, cura dell’ospite e decoro massimo sono immediatamente percepite nei vari siti stellati o meno.

Le città sono belle e ben tenute e Minsk, in particolare, è  una città incantevole, bella da vedere e da vivere, accogliente e amichevole.

L’efficienza la si nota particolarmente nei passaggi doganali: funzionari sempre cortesi e veloci nelle pratiche di passaggio.

I fatti recenti:

senza entrare nella controversia politica ma come semplice osservatore ed estimatore di questa Nazione mi sono posto alcune domande alle quali non so dare risposta:

Di fatto la popolazione non sembra sottoposta ad anni di soppressione, il tono della gente non esprime rabbia, risentimento o frustrazione.

Non si evidenziano segnali di contrasto, di stizza o di rabbia, guardandosi attorno non si vedono segni di contestazioni, non ci sono scritte sui muri, imbrattamenti o deturpazioni, non c’è ombra di vandalismo.  Questo alto senso civico denota la vera libertà  dall’ideologismo e dal fanatismo.

Per come appare il territorio, la sua manutenzione, la pulizia, l’architettura, le infrastrutture, ecc. si conferma ancora il grande senso civico della Gente,  la cura dell’estetica e l’attaccamento alla Nazione della popolazione.  Il tutto non è certamente il risultato di oppressione o repressione ma è  volontà diffusa e profusa verso il “bello”.  Un popolo soppresso non volge al “bello”, non cura l’estetica anzi denigra e distrugge per contrasto.

Per quanto sopra è difficoltoso pensare che la maggioranza del popolo bielorusso, e addirittura l’80%, sia sfavorevole all’attuale governo, certamente ci potrà essere una opposizione politica (come in ogni nazione e governo), una volontà di cambiamento (ma  verso cosa?), una voglia di diverso, una richiesta di maggiore libertà (ma da cosa?), tutto legittimo, come sono legittime la volontà di manifestare il dissenso e di pacifica protesta.

Ma pensare che si possa effettuare brogli elettorali sull’80% dei voti ribaltando completamente un risultato supposto, sperato ma non certo e provato, sembrerebbe abbastanza irreale.

Forse c’è da chiedersi a chi giova tutto questo? Certamente la stragrande maggioranza dei manifestanti ( a dire il vero pochi rispetto al supposto consenso dell’opposizione) è in buona fede,  e ha diritto al rispetto della sua opinione, non può e non deve essere repressa la protesta, può essere controllata e separata da eventuali provocatori, ma mai ci deve essere violenza repressiva da parte delle autorità: questo sarebbe ed è un grossolano errore.

Per contro è necessario che vi sia la massima attenzione ai “provocatori di mestiere”, ai sobillatori e fomentatori di rivolte che sempre agiscono all’ombra di “interessi particolari”, la massima attenzione verso  coloro che sono “i chi giova” e che non hanno nulla a che fare con le Gente in buona fede che manifesta pacificamente.

Spero proprio che il Presidente Aljaksandr Lukašėnka abbia l’accortezza e la saggezza di calmierare le forze di polizia durante le manifestazioni,  perché chi manifesta comunque è Bielorusso, il suo popolo ed  è il Presidente di tutti i Bielorussi che con Lui hanno reso la Bielorussia una Nazione gioiello.

 

 


mercato Eurasia, CEE

Anche le piccole imprese italiane possono permettersi una partnership per il mercato russo/Eurasia

Consulenti & Partners – Sede delle aziende italiane a Mosca
L’unica organizzazione strutturata che supporta le PMI italiane nel mercato russo/Eurasia

CON LA NOSTRA PARTNERSHIP A BASSO IMPATTO ECONOMICO ANCHE LE PICCOLE IMPRESE ITALIANE POSSONO PERMETTERSI DI APPROCCIARE IL MERCATO DELL’AREA RUSSA.

Un intervento specializzato che solo noi siamo in grado di offrire avendo al nostro interno tutte le competenze per affrontare questo mercato con le più ampie probabilità di successo.

Partnership per il vostro inserimento e sviluppo come vostra sede/ufficio a Mosca, una nostra esclusiva proposta a basso impatto economico, mirata per la piccola impresa italiana.

Vi offriamo una prova d’introduzione nel mercato di tutta l’area russa con la nostra partnership per 18 mesi.

Una nostra project manager che si occuperà della vostra azienda e del vostro prodotto dalla sede di Mosca e che potrà essere in contatto diretto con voi.
La presentazione della vostra azienda e prodotto agli interlocutori del vostro target di mercato un tutta l’area ad influenza Russa.
La gestione e lo sviluppo del mercato in ogni area della Federazione Russa e le altre nazioni di Eurasia.
La nostra organizzazione a Mosca sarà il vostro ufficio/sede/filiale in Russia, un vostro referente diretto per il mercato.

la nostra organizzazione come vostro ufficio di Mosca offrirà maggiori garanzie ai compratori che, come di prassi, pagano le merci anticipatamente necessitando quindi di un referente qualificato sul posto per ogni evenienza.

AL NOSTRO INTERNO OGNI COMPETENZA E PERSONALE SPECIALIZZATO PER GESTIRE DIRETTAMENTE:
trasporti e sdoganamenti, certificazioni, transazioni valutarie, gestioni commerciali, gestioni amministrative, marketing, garanzie, problem solving.
Costituzione societarie, con domiciliazione, amministrazione e direzione.
Apertura attività commerciali e acquisizione portafogli clienti.
Apertura attività produttive con gestione e controllo amministrativo e operativo.

Un’occasione unica nel suo genere per approcciare il mercato dell’Area Russa con un basso impatto economico e con a migliore partnership in area. info@consultpartners.org     www.consultpartners.org


Mercato Eurasia gestito da l vostro ufficio di Mosca

Consulenti & Partners Sede delle aziende Italiane a Mosca – Consulenti & Partners cambia aspetto e si adatta alle esigenze delle imprese e alla continua evoluzione del mercato dell’Area Russa.

Consulenti & Partners Sede delle aziende Italiane a Mosca
Consulenti & Partners cambia aspetto e si adatta alle esigenze delle imprese e alla continua evoluzione del mercato dell’Area Russa.

Diviene così il partner più qualificato e privilegiato per il business nel mercato di Eurasia, UEE, Unione Economica Eurasiatica di cui fanno parte ad oggi Russia, Bielorussia, Kazakistan, Armenia e Kirghizistan.

Con la ormai sperimentata formula della partnership, Consulenti & Partners agisce e di fatto diviene la sede a Mosca delle imprese italiane che vogliono operare in questa vasta area di mercato.

La proposta di Consulenti & Partners prevede una formula a basso impatto economico per l’azienda italiana, così da poter permettere anche alle piccole imprese di provare ad intraprendere il mercato russo con il minimo impegno economico e praticamente a rischio zero.

Una prova d’introduzione nel mercato che, data la vastità territoriale e le differenti caratteristiche delle varie aree, non può essere inferiore ai 18 mesi, durante la quale ogni costo di marketing, presentazione e gestione è a carico di Consulenti & Partners.

La gestione completa di ogni “fattore” di mercato dalla promozione alla trattativa, trasporti e sdoganamenti, amministrazione, garanzie, post vendita e problem solving sarà trattata direttamente dagli specialisti interni di Consulenti & Partners.

Lo sviluppo e la gestione del mercato nella fase successiva alla prova di 18 mesi, nel caso di successo e trend positivo.

Consulenti & Partners è in grado di agire, di essere, e di fatto lo è, l’ufficio di Mosca di ogni azienda italiana che decide di aderire alla partnership.
La direzione generale italiana con ultradecennale esperienza nella dirigenza d’impresa e del mercato russo, la direzione operativa e amministrativa di collaboratori russi che parlano italiano, consentono alla sede di Mosca di Consulenti & Partners di agire come farebbe lo stesso imprenditore italiano nel suo mercato.
Un rapporto fra imprenditori con la stessa esigenza, creare fatturato, fare business.

Consulenti & Partners è già sede giuridica di imprenditori che ci hanno incaricato di aprire, attivare, gestire e amministrare una loro società a Mosca.
Consulenti & Partners è in grado di operare per la costituzione di società giuridiche russe, start-up di aziende produttive e commerciali, partnership ai vari livelli, gestioni amministrativi e contabili.
Il problem solving è una prerogativa di Consulenti & Partners.


Russia,Bielorussia,Kazakistan,Tajikistan,Kyrgystan

Eurasia strategica per l’export Made in Italy. – Sanzioni motivate da pressioni politiche esterne. – Tedeschi: “l´embargo è solo per voi italiani”. – UE condizionata dalla NATO. – Putin: noi ci fidiamo del governo italiano.

Quando vennero enunciate le prime sanzioni e l´Europa voltò le spalle alla Russia, questa realizzò un´alleanza intergovernativa ed un´unione politica e commerciale con altri Paesi dell´Est e del Far East, all´interno dei quali potesse essere sviluppato un mercato di libero scambio.

Bisogna considerare il fatto che la Federazione Russa è completamente autonoma dal punto di vista energetico, che soddisfa il proprio fabbisogno interno all´83% con fonti rinnovabili (in primis idroelettriche) e che incanalerà ora il grande surplus petrolifero verso i ricchi mercati del Far East, assetati di energia, per prima la Cina.

Il problema, quindi, rimane europeo, fortemente condizionato dalle esigenze della NATO, la quale, per esistere e perdurare, deve assolutamente disporre di un nemico da poter combattere.

Ecco allora la nascita di tre alleanze eurasiatiche: SCO, BRICS e Commissione Economica Eurasiatica.

La SCO-Shanghai Cooperation Organization, raggruppava inizialmente cinque Stati: la Federazione Russa, la Cina, il Kazakhstan, il Kyrgyzstan e il Tajikistan, ai quali si sono successivamente associati l´Uzbekistan, l´India e il Pakistan, per un totale di circa 3 miliardi e duecento milioni di abitanti, quindi circa la metà della popolazione mondiale.

Da ciò si può ben comprendere che tutte le imprese insediate nei paesi SCO, potrebbero non aver più bisogno di esportare in Occidente, in quanto il loro mercato è enorme e potrebbe benissimo essere in grado di saturare la loro produzione.

Un´altra associazione tra Paesi non integrati con l´Unione Europea è quella contraddistinta mediante l´acronimo BRICS, che deriva dalle iniziali dei paesi fondatori: Brasile, Russia, India, Cina e Sudafrica.
Si tratta di cinque economie emergenti ed a forte crescita, con un PIL. Anche in questo caso i paesi aderenti rappresentano circa la metà della popolazione mondiale e si sono impegnati per un libero scambio, svincolato dalla supremazia del dollaro quale valuta di riferimento, annunciando anche la volontà di adottare una nuova valuta di riserva globale, che dovrebbe essere “diversificata, stabile e prevedibile”

Tutto ciò premesso si tratta ora di comprendere quanto la cecità del nostro governo impedisca di fatto alle aziende italiane di cooperare con quelle della Federazione Russa e dei Paesi aderenti ad Eurasia e ciò a causa di embarghi e sanzioni, motivati da aleatorie pressioni politiche esterne.

– E quanto anche il governo attuale faccia veramente nonostante i vari e ripetuti “proclami” in disaccordo con le sanzioni, per mettere fine a questa inutile, ingiusta e “masochista” adesione forzata al “dictat” di oltre oceano – Nonostante il presidente russo Vladimir Putin non avesse nascosto, a suo tempo, la propria ammirazione per la svolta italiana: “Sappiamo che l’economia italiana ha delle basi molto solide, noi ci fidiamo di tutto quanto sta facendo il governo italiano e siamo sicuri che i problemi saranno risolti”. ( ndr)

– “I rapporti politici italo-russi sono eccellenti, ma…non si può essere contrari alle sanzioni e poi applicarle. Certamente ci vuole lealtà nei confronti dell’Ue ma la lealtà si può manifestare anche esprimendo dissenso, prima o poi”.
“Mentre l’Unione economica eurasiatica è un processo non breve ma in evoluzione, nell’Ue si assiste a un processo di disgregazione determinato da uno sviluppo economico disomogeneo. L’Eurasia è una possibilità per mitigare queste difficoltà, ma a oggi non ne approfittiamo… ( dichiarazione del presidente di Conoscere Eurasia e di Banca Intesa Russia, Antonio Fallico)

Per finire, desidero solo ricordare l´incontro avuto presso una grande compagnia russa con gli esponenti di una multinazionale tedesca.
Alla mia domanda su come facessero a vendere in Russia, viste le sanzioni e le limitazioni, mi stato risposto con il loro inconfondibile accento teutonico “l´embargo è solo per voi italiani”.

(Prof. Franco C. Grossi Esperto della Federazione Russa al Ministero della Scienza a Mosca – estratto dal Giornale Diplomatico)