La Russia ha notevoli riserve internazionali – Meglio di ogni altro Paese al mondo

La Russia ha notevoli riserve internazionali, è più preparata alla pandemia rispetto a qualsiasi altro Paese al mondo

La Russia ha notevoli riserve internazionali – Meglio di ogni altro Paese al mondo

La Russia ha notevoli riserve internazionali,  è più preparata alla pandemia rispetto a qualsiasi altro Paese al mondo. 

L’economia russa è abituata agli shock dovuti alle costanti sanzioni economiche, commerciali e finanziarie da parte dell’Occidente.

Il quotidiano americano The New York Times ha scritto a chiare lettere, che la Russia  “è entrata nella crisi globale con enormi riserve finanziarie e le sue grandi aziende sono praticamente prive di debiti”,  in quanto,  per via delle sanzioni, il Cremlino non ha accettato prestiti dall’estero, e “la Russia stessa è autosufficiente, avendo imparato a provvedere a se stessa in maniera ottimale durante le sanzioni e l’embargo”.

Coronavirus-  previsioni sullo sviluppo dell’economia e dei mercati finanziari della Russia:  la crescita del Pil russo del 2,3% nel periodo gennaio-febbraio ha garantito un certo margine di sicurezza per le previsioni relative all’intero anno 2020 – Il declino dell’economia russa alla fine dell’anno sarà assai moderato e nell’ordine dell’1-2%,  mentre il prossimo anno ci si può già attendere una crescita anche in termini annui –

La rivista “Forbes” indica  Banca Intesa Russia tra le 15 banche più stabili e sicure del Paese.  ( estratti da Russia 24 –  Banca Intesa)

www.russiaaffari.blog     www.mercatorusso.org

 


Ria Novosti del 19 marzo pubblica un articolo molto interessante con una intervista all’accademico Viktor Maleev, consigliere presso l'Istituto centrale di ricerca di epidemiologia di Rospotrebnadzo.

Coronavirus intervista all’accademico Viktor Maleev

Ria Novosti del 19 marzo: interessante con intervista all’accademico Viktor Maleev, consigliere presso l’Istituto centrale di ricerca di epidemiologia di Rospotrebnadzo.

Come viene trattato COVID-19 negli ospedali di Mosca?

Un nuovo coronavirus può essere artificiale?

Possiamo aspettarci che il COVID possa scomparire durante l’estate?

Qual è il motivo delle misure preventive introdotte a Mosca, nonostante il contagio sia limitato?
Misure restrittive sono state introdotte a Mosca in relazione alla pandemia di COVID-19:

gli scolari studieranno a distanza da lunedì, e molti adulti saranno trasferiti al lavoro a distanza. L’accademico Viktor Maleev, consigliere del direttore della ricerca presso l’Istituto centrale di ricerca di epidemiologia di Rospotrebnadzor, l’accademico Victor Maleev, ha riferito a RIA Novosti su come viene rilevato un nuovo coronavirus, come viene trattato e perché è necessaria la quarantena leggera.

– Secondo gli ultimi dati, in Russia ci sono solo 199 persone infette dal
Perché mettere in quarantena se il numero ufficiale di pazienti è piccolo?

– Per non essere più malato. Non abbiamo una quarantena completa, si tratta di misure restrittive. Se il numero di nuovi casi aumenta, le misure dovranno essere rafforzate. Non gli sarà permesso di uscire di casa, la produzione inizierà, tutto si congelerà. Pertanto, ora stanno cercando di fare di tutto per impedire che ciò accada.

Sfortunatamente, mentre il numero di casi sta crescendo. Un paio di giorni fa, abbiamo avuto tre o quattro nuovi pazienti, e ieri 30 contemporaneamente. In questo momento stiamo parlando, e poi entro la mattina questo numero raddoppierà. Pertanto, dobbiamo agire in anticipo. Forse nel prossimo futuro ci sarà un esito letale.

– Come viene trattato COVID-19 negli ospedali di Mosca?

– Utilizziamo specifici farmaci antivirali. Ci sono istruzioni su come trattare il coronavirus. È vero, sono temporanei, perché vengono periodicamente rivisti alla luce di nuovi dati sull’infezione. Abbiamo ancora poca esperienza, utilizziamo, tra le altre cose, gli sviluppi realizzati in Cina. Ora ho la settima versione dei manuali cinesi che hanno usato.

Utilizziamo anche farmaci che si sono dimostrati efficaci nel trattamento della SARS perché questi virus sono simili al 90 percento. E assicurati di dare ai pazienti farmaci fortificanti. Quindi, se le persone con molte malattie croniche concomitanti, come problemi cardiaci, si ammalano, rafforziamo il cuore in modo che il corpo possa far fronte all’infezione.

– Un nuovo coronavirus può essere artificiale?

– No Affinché un nuovo virus emerga, il suo prototipo non deve solo mutare (una o due piccole differenze nel genoma), è necessaria una transizione qualitativa. In altre parole, le differenze tra l’RNA del nuovo virus e il suo precursore dovrebbero essere significative e dovrebbero essercene molte.

È impossibile farlo artificialmente. Solo la natura può farlo. Non abbiamo ancora studiato a fondo tutte le sue capacità: perché può creare nuovi virus, dove li nasconde.

È noto che le infezioni hanno cicli: insorgono, poi scompaiono e dopo un po’ compaiono di nuovo. E il momento del ritorno, se non è un’infezione stagionale, è difficile da prevedere.

Diciamo che la SARS è stata scoperta nel 2002 all’incirca nello stesso periodo del nuovo coronavirus: a novembre.
E nell’estate del 2003 era scomparso.

Possiamo aspettarci che accada la stessa cosa con il nuovo coronavirus che con la SARS: scomparirà?”

– E chi lo sa? È impossibile prevedere. Così come è impossibile prevedere se diventerà stagionale. Dopotutto, ce l’abbiamo in una stagione finora. Dobbiamo vedere cosa accadrà l’anno prossimo e quindi trarre delle conclusioni.
Nel frattempo, non sappiamo nemmeno cosa diventerà dopo qualche tempo.

– Possiamo avere, in Russia, la stessa situazione con coronavirus come in Italia?

“Non è mai successa.” E dobbiamo fare di tutto per evitarlo in futuro.

Questo è il motivo delle misure preventive che vengono ora introdotte a Mosca. Sfortunatamente, le persone non possono sempre valutare l’entità della minaccia. Pertanto, ad alcuni punti, il governo è costretto ad agire con forza.

Quindi, ovviamente, può essere criticato, anche se, a mio avviso, in questo caso c’è qualcosa da lodare. Tuttavia, la Russia è uno dei pochi paesi che è riuscito a lungo, nonostante il confine con la Cina, a non far entrare una nuova infezione nel suo territorio.

Sai, mi chiedono spesso: perché siamo così pochi infettati se la Cina è letteralmente a portata di mano. Rispondo: nelle nostre regioni frontaliere la densità di popolazione è bassa rispetto alla parte europea della Russia. Ora il numero principale di pazienti è ancora a Mosca. E in Estremo Oriente e in Siberia non ci sono semplicemente megalopoli così grandi.

A Vladivostok e Khabarovsk non esiste un singolo caso. Tutti i pazienti identificati nelle regioni – diciamo, a Nižnij Novgorod, Tjumen – tornarono dall’estero e volarono in transito attraverso Mosca.

“Quanto velocemente vengono eseguiti i test del coronavirus in questo momento?”

“Da quattro a otto ore.” – Ora abbiamo ovunque sistemi di test per il coronavirus.

Prima di tutto, questa analisi viene eseguita su coloro che sono tornati dall’estero e sulle persone con cui hanno contattato, anche se non presentano sintomi di infezione da coronavirus.

– Dimmi, come specialista in malattie infettive, le persone che hanno contatti con gli infetti devono essere sanzionate per aver violato la quarantena?
“Certo, perché stanno infettando gli altri”….. queste persone creano problemi alla società, il che significa che devono essere ritenute responsabili. Se non li puniamo, continueranno ad agire e non saremo in grado di porre fine all’epidemia.

Vedete, è difficile per noi ora prevedere la diffusione di una nuova infezione, perché molti altri casi di coronavirus verranno portati in Russia al cento per cento.

Ora abbiamo 1800 turisti in Montenegro. I russi sono in Spagna, Italia, Germania – paesi in cui la situazione epidemiologica è difficile. E questo è un grande potenziale di infezione per il nostro paese.

Al momento, abbiamo solo dieci casi di trasmissione locale di coronavirus, quando le persone erano in contatto con coloro che venivano dall’estero. E li abbiamo tutti presi.
Inoltre, tutto dipende dalla coscienza delle persone che ora torneranno.
Se osservano l’autoisolamento, si rivolgono ai medici in tempo, chiamano la hotline, se il resto non si fa prendere dal panico sulla base del coronavirus, allora affronteremo l’epidemia. Ora molto dipende da noi.


L’economia russa risulterebbe migliore di quella… del resto del mondo!

Russia: Per la prima volta dal 2014, le riserve di liquidità hanno superato il debito del paese. – L’economia russa risulterebbe migliore di quella… del resto del mondo!

Russia: Per la prima volta dal 2014, le riserve di liquidità hanno superato il debito del paese.

L’economia russa risulterebbe migliore di quella… del resto del mondo!

Il debito pubblico netto del paese è sceso ora sotto lo zero.

L’impegno della Russia per l’indipendenza, sia politica che economica, sembra aver spinto il paese in una fase nuova.

In risposta alle sanzioni occidentali e al crollo dei prezzi del petrolio, le autorità hanno intrapreso la strada dell’accumulo di riserve per garantire la stabilità finanziaria.

Come risultato di questa rigorosa disciplina sul debito, il debito pubblico netto del paese è sceso ora sotto lo zero, riporta RBC Daily.

Le statistiche ufficiali rivelano quindi che il Cremlino, in caso di necessità, potrebbe ripagare facilmente tutti i suoi debiti. In data 1° agosto, il debito totale del paese (il debito interno ed estero dello Stato) era pari a 16,2 trilioni di rubli (248 miliardi di dollari), ovvero il 15% del PIL: meno dell’importo dei contanti presenti nei depositi della Russia nella Banca centrale e nelle banche commerciali (17,6 trilioni di rubli, 269 miliardi di dollari), ovvero il 16,2% del PIL.

Un debito inferiore rispetto a quello degli USA e della Cina

Questi numeri non includono il debito commerciale ma, anche se fosse tenuto in considerazione, l’economia russa risulterebbe migliore di quella… del resto del mondo!

A fronte della crisi finanziaria globale del 2008, molte economie mondiali hanno dovuto prendere in prestito ingenti somme per evitare la recessione e, secondo il FMI, le economie più indebitate del mondo sono anche le più ricche.

Nel 2017, il debito globale totale ha raggiunto il massimo storico di 184 trilioni di dollari (225% del PIL mondiale) o, in termini pro capite, 86.000 dollari di debito pro capite sul pianeta. I primi tre mutuatari nel mondo – Stati Uniti (256% del PIL), Cina (254% del PIL) e Giappone (395% del PIL) – hanno rappresentato più della metà del debito globale, superando la loro quota di produzione globale. (estratto da Russia Beyond – it.rbth.com/economia/83322-perch%C3%A9-la-russia-ha-ridotto)

www.russiaaffari.blog      www.consultpartners.org


Il partner giusto per il mercato russo/Eurasia