La Banca Centrale russa continuerà ad investire nell’oro riducendo buoni del Tesoro USA. E la Russia sale nella classifica Doing Business.

La Banca Centrale russa continuerà ad investire nell’oro riducendo buoni del Tesoro USA. E la Russia sale nella classifica Doing Business.

“Questa è la tendenza prevalente: negli ultimi cinque anni i Paesi hanno aumentato le quote d’oro nelle riserve valutarie, riducendo i dollari: gli investimenti nei titoli di stato americani hanno fatto segnare un record negativo.

La Banca di Russia continuerà ad aumentare la quota aurea nelle riserve valutarie a fronte di una riduzione degli investimenti nei titoli di stato statunitensi, ha affermato il presidente della commissione sui Mercati Finanziari della Duma Anatoly Aksakov.

Nel terzo trimestre di quest’anno, le banche centrali di tutto il mondo hanno acquistato una quantità record di oro rispetto agli ultimi quattro anni, con la Banca di Russia che ha comprato la quota maggiore, secondo il rapporto del World Gold Council. Il volume degli acquisti del regolatore russo ammonta a 92,2 tonnellate. Pertanto le riserve auree della Russia per la prima volta hanno superato quota 2mila tonnellate.

La Russia è salita al 31° posto nella classifica Doing Business 2019 rispetto al 35° dello scorso anno grazie a un miglioramento delle normative per le piccole e medie imprese. L’anno precedente, la Russia occupava la quarantesima posizione, e sette anni fa il 120° posto nella classifica.. alla 20° nel 2018. (Da sputnik)

www.russiaaffari.blog
info@consultpartners.org


Il caos creato dalle inutili sanzioni e dazi USA- Dopo la Russia a rifuggire le obbligazioni di stato USA è la Turchia, come già Giappone, Cina e anche Messico, l’India e Taiwan – E se la Cina continuasse a vendere i titoli USA?

Dopo la Russia a rifuggire le obbligazioni di stato USA è la Turchia. Dopo che Washington ha provocato nel Paese il crollo della valuta nazionale, Ankara ha venduto questi titoli per quasi 4 miliardi di dollari.
Al momento tutta l’attenzione è rivolta alla Cina: qui, infatti, i danni derivanti dalla guerra commerciale avviata dalla Casa Bianca sono di centinaia di miliardi. Pechino possiede un’arma potente: un pacchetto di obbligazioni di stato americane del valore di 1,2 trilioni di dollari.
Se la Cina cominciasse a svenderle, la Casa Bianca non sarebbe in grado di prendere in prestito fondi per la stabilizzazione del proprio budget. Sputnik vi spiega perché sempre meno Paesi intendono fare credito agli USA e cosa succederà se la Cina ridurrà anche solo parzialmente i propri investimenti nel debito americano.
Le sanzioni di aprile e le minacce di escludere la Russia dal sistema internazionale dei pagamenti e di limitare le operazioni con il debito pubblico russo hanno spinto la Banca centrale russa a prendere posizioni decise.
Tra aprile e maggio la Russia ha venduto l’85% del proprio portafoglio di obbligazioni di stato USA: la Banca centrale ha ridotto gli investimenti in treasuries a soli 15 miliardi di dollari quando all’inizio dell’anno superavano i 100 miliardi.
Parallelamente gli USA hanno colpito la Turchia. Dopo che Ankara si è rifiutata di liberare Andrew Brunson, l’americano sospettato di spionaggio, Washington ha raddoppiato i dazi doganali su prodotti turchi in alluminio e acciaio. In seguito a tali dazi, in pochi giorni il cambio della lira turca è crollato di più del 25%. Da gennaio la valuta turca si è deprezzata del 40%.
“Il crollo del cambio della lira è senza dubbio un attacco mirato e premeditato inferto dal maggiore attore finanziario al mondo”, ha osservato il ministro delle Finanze turco Berat Albayrak.
La Banca centrale turca ha dichiarato l’adozione di misure straordinarie che permetterebbero di garantire liquidità al settore finanziario. A tal fine la Banca centrale attingerà circa 10,5 miliardi di dollari dalle riserve.
Inoltre, Ankara sta sistematicamente riducendo gli investimenti nelle obbligazioni di stato USA.
Svendita generalizzata: In tal modo, la Russia e la Turchia non sono più fra gli Stati che detengono la maggior parte del debito americano. Anche altre nazioni hanno optato per disfarsi di questi titoli.
Quello che appare come una tendenza generalizzata era evidente già nel primo semestre dell’anno. Ad aprile il numero di obbligazioni di stato USA nei portafogli dei creditori esteri si è ridotto fino a 6,17 trilioni di dollari.
Si sono disfatti dei treasuries anche il Messico, l’India e Taiwan. Il secondo creditore degli USA per importanza, il Giappone, ha ridotto al minimo i propri investimenti.
Infine, la Cina, leader tra i creditori americani (1,18 trilioni di dollari), ha ridotto il suo pacchetto obbligazionario.
Attenzione alla Cina
Gli osservatori non escludono che Pechino continuerà a disfarsi di questi titoli. Ma questa sarà un’altra storia. Nelle mani di Pechino vi è quasi il 20% del debito americano detenuto da stranieri.
Qualunque operazione che coinvolga volumi più o meno importanti di treasuries può essere pericolosa per il sistema finanziario USA e per il cambio del dollaro.
La guerra commerciale tra Pechino e Washington sta prendendo piede. I dazi reciproci entrati in vigore il 23 agosto rendono difficili i rapporti bilaterali e potrebbero provocare ingenti danni al commercio internazionale. In questa situazione è più probabile che la Cina sfrutti questa sua grande arma.
Se la pazienza di Pechino finisse e i cinesi decidessero di vendere parte dei titoli di debito americani, il loro valore crollerebbe e il rendimento subirebbe un’impennata. Questo renderebbe automaticamente i prestiti per le imprese e per i consumatori americani molto più cari e andrebbe a minare la crescita economica. L’emissione di titoli sarebbe allora per il governo americano un’operazione sempre più costosa.
“L’economia comincia ad essere in subbuglio a causa degli alti tassi di interesse, il che porta a un rallentamento generale”, osserva Jeff Mills, stratega finanziario presso la PNC Financial Services Group.
Per colpire l’economia americana a Pechino basterebbe ridurre di poco i propri investimenti in treasuries. A giudicare dai crescenti rendimenti dei titoli con scadenza decennale, in Cina stanno già cominciando a sfruttare questa leva.
( tratto da Sputnik)


LA MOSSA INTELLIGENTE DI PUTIN: il mondo finanziario si prepara a grandi shock. – La fine del dollaro e degli Stati Uniti – Ma da dove viene il Dollaro?

LA MOSSA INTELLIGENTE DI PUTIN: il mondo finanziario si prepara a grandi shock.
in Occidente, a differenza della nostra “comunità di esperti liberali”, la notizia che la Russia ha aumentato le sue riserve auree a luglio è stata accolta con rispetto. “Putin ha fatto una mossa molto intelligente”, ha detto Jim Rickards, autore e curatore della newsletter “Strategic intelligence”. “La Russia è nelle condizioni di finanziare la guerra. Essa si sbarazza della valuta statunitense e compra oro. Questo la protegge dal congelamento del suo patrimonio in dollari e dalle sanzioni”. Sebbene in realtà è frivolo pensare che le azioni della Banca centrale russa nel mercato dei metalli preziosi siano dettato solo dalla paura delle sanzioni. A giudicare dal fatto che la riserva d’oro strategica della Federazione Russa viene rifornita costantemente e per lungo tempo, non può ancora essere spiegata da alcuna “necessità immediata”.
La decisione della Banca centrale russa di smettere di acquistare valuta estera sul mercato nazionale dal 23 agosto e fino alla fine di settembre è chiaramente operativa. Secondo la versione ufficiale, in questo modo la Banca centrale russa ha deciso di agire semplicemente per ridurre la volatilità dei mercati finanziari e aumentare la prevedibilità delle azioni delle autorità monetarie.
tutto il mondo è preoccupato per l’imprevedibilità degli americani. Nel governo russo lo hanno capito. La dichiarazione del ministro dell’Industria e del Commercio Denis Manturov che la Russia sta già valutando di passare alle transazioni in valuta nazionale in risposta alle nuove sanzioni degli Stati Uniti, non è quella di un dilettante.
Tali parole sono costose per definizione. Come la tesi secondo cui ci si impegnerà per ridurre la dipendenza dalle apparecchiature tecnologiche straniere.
La consapevolezza del progresso dei cambiamenti tettonici nei mercati globali arriva non solo agli economisti russi, ma anche alle loro controparti europee.
Pertanto, ad esempio, la percezione che l’UE dovrebbe stabilire un analogo indipendente interbancario al sistema di scambio di informazioni SWIFT (come ha affermato in un’intervista a Handelsblatt il ministro degli Esteri tedesco Heiko Maas) è improbabile che emerga come un “pezzo di propaganda” di una guerra commerciale con gli Stati Uniti.
Le persone serie, come il ministro dell’industria e del commercio russo o il capo del ministero degli esteri tedesco, semplicemente non dicono queste cose senza un approfondito studio e coordinamento.
Alla fine, questo non è altro che “la necessità di rafforzare l’autonomia europea creando canali di pagamento indipendenti dagli Stati Uniti”.
Sei mesi fa di queste cose non ne parlavano neppure marginalmente gli euroscettici, ora ne parla esplicitamente il ministro degli Esteri tedesco. ( estratto da Sputnik)

La fine del dollaro e degli Stati Uniti
Nel mondo stanno avvenendo cambiamenti epocali sconosciuti alla popolazione – anche a quella che desidera sapere, dunque piu’ evoluta – questo in quanto il sistema in cui viviamo ha il compito primario di tenere disinformata e ignorante la gente sulle vere questioni che contano.
Una di queste e’ la guerra tra valute che serpeggia da almeno un quindicennio a questa parte, e che ora sta vedendo la meglio con Russia e Cina pronte – insieme – a scalzare un dollaro ormai agonizzante. ( Scrive Gabriele Sannino, scrittore e giornalista su “ Quello che i media non dicono”)

Ma da dove viene il Dollaro?
Tutto è iniziato verso la fine della seconda guerra mondiale, nel 1944, quando gli americani, assaporando la vittoria che di lì’ a breve si sarebbe ottenuta nel conflitto, hanno deciso di riformare a Bretton Woods l’intero sistema finanziario internazionale, agganciando tutte le valute al dollaro che diviene così’ l’unico che può’ essere convertito in oro. E’ la supremazia assoluta degli Stati Uniti, dato che – di fatto – tutte le monete del mondo (dollaro escluso) diventano semplicemente carta straccia.
Gli USA allora avrebbero potuto cambiare le sorti dell’intero Pianeta se avessero accolto le tesi dell’economista inglese John Maynard Keynes, che auspicava invece una moneta internazionale da lui definita Bancor, alias una moneta mondiale che avrebbe unito tutte le nazioni sotto un’unica Banca di compensazione internazionale, nella quale ogni stato avrebbe potuto accumulare crediti e debiti in base al solo scambio di merci. I conti non sarebbero mai andati al rosso per ciascun paese, se non entro un certo limite, permettendo a tutti di esportare e importare, e garantendo una vera cooperazione (dunque la vera globalizzazione. ndr) nonché crescita e benessere per tutte le nazioni.
Negli anni ’60, dunque, il dollaro purtroppo si confermò moneta di riserva internazionale (per la serie se vuoi acquistare oro, bene rifugio per antonomasia, devi prima acquistare dollari) ma il meccanismo di nuova supremazia egemonica USA cominciò a mostrare già in quegli anni le prime crepe, visti i grossi deficit di spesa del bilancio federale per le costose guerre del Vietnam e la folle spesa pubblica che, data la moneta-debito, indebitava la popolazione senza ritegno.
In aggiunta, l’Europa e il Giappone in quegli anni si erano ormai messi in piedi, le loro economie erano diventate di esportazione, e l’inflazione del dollaro danneggiava in primis proprio l’economia americana. Quando nel 1971 il Presidente Nixon eliminò di fatto il Gold Standard, dato che erano stati stampati molti più dollari rispetto alle riserve auree, ecco che il dollaro si agganciò al petrolio, trasformandosi… in moneta di riserva energetica mondiale.
Washington stabilì che l’OPEC non doveva vendere alcuna goccia di petrolio a paesi con valute diversi dal dollaro, e ciò fece proseguire l’ascesa della divisa americana e con essa la supremazia della nazione.
Il dollaro, però, piano piano, in tutti questi anni, è divenuto la divisa per antonomasia dei casinò finanziari, delle speculazioni, delle predatrici banche di Wall Street, e questo ne ha distrutto per sempre immagine e supremazia.
Oggi infatti, grazie alla globalizzazione finanziaria nella quale prosperano i giochetti delle solite banche apicali che fagocitano l’economia reale e finanche pezzi della stessa economia finanziarizzata – quella dei cosiddetti mercati – gli americani sono il popolo più indebitato del Pianeta…………!! (Fonti: controinformazione/Arianna Editrice.)


Cerca con una parola

Archivi

Categorie